03/12/2007versione stampabilestampainvia paginainvia



L'Orso pigliatutto, ma con un asso nella manica: i brogli
Oltre il 64 percento dei voti al partito di Putin, Russia Unita. Poco sopra l'11 percento ai Comunisti. Otto e mezzo ai Liberaldemocratici e sette e qualcosa a 'Russia Giusta', questi ultimi due partiti filo-putiniani. Dare i numeri non basta, nelle elezioni per la Duma, conclusesi ieri e conteggiate poco fa. Oltre i numeri, infatti, c'è una realtà fatta di numerose irregolarità, violazioni, abusi. Né basta dover dare ragione al segretario di Russia Unita, Boris Gryzlov, che ha ammesso che qualche irregolarità c'è stata, ma che è del tutto irrilevante ai fini del risultato finale. Contano i numeri, alla fine, ma dietro i numeri si nascondono le denunce, le intimidazioni, gli arresti, le accuse. E le preoccupazioni di molti, dal Consiglio d'Europa agli Stati Uniti.
 
Lo zarDenunce ecumeniche. Le votazioni non si sono svolte in modo corretto dall'inizio della campagna elettorale, "non hanno rispettato gli standard democratici e molti degli impegni presi a livello di Osce e di Consiglio d’Europa", fa sapere l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo. Un giudizio che contrasta con quello della Commissione elettorale russa, che ha fatto sapere che durante le elezioni tutto si è svolto regolarmente. Denunciano i comunisti: le più irresponsabili e torbide, secondo il leader del partito Gennady Zyuganov. Una farsa, che spingerà il Paese verso la dittatura, dice Garry Kasparov, ex campione di scacchi e leader di 'Altra Russia', coalizione non ammessa a partecipare. Anche gli Stati Uniti, per bocca del portavoce del Consiglio di Sicurezza, Gordon Johndroe, dicono la loro: preoccupazione per l'uso di risorse statali a sostegno di 'Russia Unita', intimidazione degli oppositori, influenza dei media, mancanza di uguali opportunità per i partiti minori. Gli unici che hanno potuto contare su una rete di osservatori 'imparziali' sono quelli di 'Golos', Ong russa che ha intervistato rappresentanti politici, elettori, giornalisti, conducendo un monitoraggio a tutto campo delle elezioni.
 
Orso pigliatuttoCautela, prima di tutto. "No comment. Non possiamo parlare fino a domattina a mezzogiorno, quando faremo uscire il comunicato stampa con le dichiarazioni del caso", risponde a PeaceReporter Tatyana Bogdanova, la portavoce di Golos. I suoi superiori le hanno imposto la consegna del silenzio. "Domani faremo la conferenza stampa, con il rapporto finale. Prima di allora non posso parlare. Ma anche lei, come gli altri giornalisti, è invitato, domani alle 12, nell'Independent Press Center di Mosca". Alla risposta "purtroppo sono in Italia", la portavoce manifesta qualche segnale di apertura. "Ah, allora mi dica, forse qualche informazione gliela posso dare comunque". La 'Golos', Ong indipendente, ha dispiegato un esercito di alcune migliaia di persone in 38 regioni, denunciando pressioni, ostacoli, intimidazioni, ricatti ai danni degli osservatori dei partiti dell'opposizione, dei funzionari dell'Ong, degli stessi elettori. "Conferma queste denunce?". "Confermo alcune delle cose che lei ha detto. Non abbiamo ancora compilato il rapporto finale, siamo ancora nella fase di raccolta dei dati. Comunque, le 'violazioni' comprendono pressioni sugli studenti a votare in massa, gli 'absentee ballot', ovvero i voti per corrispondenza, non al seggio...".
 
Aleksieev, leader della comunità gayOstacoli... La legge elettorale è stata cambiata due anni fa. Non permette a osservatori che non siano di parte di accedere ai seggi, ma i giornalisti possono, non è vero? "Secondo la legge sì. Le Ong non possono, quindi abbiamo dovuto accreditarci come operatori della stampa, ovvero giornalisti. Ma anche così abbiamo avuto grandi difficoltà. Ad alcuni è stato negato accesso nelle stazioni di voto, ad altri è stato espressamente chiesto di andarsene. Gli ostacoli sono stati diversi, è stato vietato loro di girare video, fare foto, insomma, documentare le procedure di voto. Scuse e pretesti di ogni tipo sono stati inventati per tenerli alla larga. In alcuni casi è stata chiamata la polizia per cacciarli. Uno dei nostri osservatori-giornalisti ha dovuto passare tutta la notte nella stazione di polizia". Quali sono le altre violazioni? Conferma che a molti sono stati promessi - e poi elargiti - regali in cambio del voto? "Alcuni osservatori hanno accertato che nella regione degli Urali sono state organizzate alcune iniziative per 'incoraggiare' le persone ad andare a votare. Sono stati dati regali, ma anche lotterie a premi e via dicendo". Hanno anche regalato frigoriferi ed elettrodomestici a famiglie che votavano 'Russia Unita'? "Possibile, ma a noi questo non risulta".

Luca Galassi

Articoli correlati:
03/12/2007 Russia, trionfo di Putin: Oltre due terzi dei seggi al partito del presidente. L'opposizione: ''Una farsa''
30/11/2007 I Verdi nel mirino/2: L'opposizione repressa e la catastrofe ambientalista
30/11/2007 I Verdi nel mirino: L'opposizione repressa e la catastrofe ambientalista
30/11/2007 Tutti gli uomini del presidente: La mano forte del regime sul rinnovo della Duma
26/11/2007 Il volto del regime: Putin getta la maschera, la repressione continua
20/11/2007 Il re è vestito: Le elezioni del 2 dicembre saranno un plebiscito per Putin
16/11/2007 Russia, per le elezioni nessun monitoraggio: L'Osce cancella la sua missione di controllo
07/11/2007 Una nuova Guerra Fredda. La Russia abbandona il trattato che limita le armi convenzionali in Europa: La Russia abbandona il trattato che limita le armi convenzionali in Europa
25/10/2007 Elezioni fai da te: Mosca vuole limitare il ruolo degli osservatori alle legislative del 2 dicembre
19/10/2007 Una nuova Guerra Fredda: Non si placano le polemiche per le basi Usa in Libano
16/07/2007 In fuga da Putin: Primo asilo politico per giornalisti russi perseguitati dal Cremlino
Gli argomenti più discussi: Le parole chiave più ricorrenti:
creditschi siamoscrivicicollaborasostienicipubblicità