03/12/2007versione stampabilestampainvia paginainvia



Oltre due terzi dei seggi al partito del presidente. L'opposizione: ''Una farsa''
Russia unita, il partito del presidente Vladimir Putin, ha trionfato alle elezioni per il rinnovo della Duma (la Camera bassa) ottenendo il 64,1 percento dei voti. Con il 98 percento delle schede scrutinate, gli altri partiti che hanno superato la soglia di sbarramento del 7 percento sono i Comunisti (11,1 percento), i nazionalisti del Partito liberaldemocratico (8,4) e Russia giusta (8), il movimento alleato con Putin. L'affluenza alle urne è stata del 60 percento. Secondo i risultati preliminari diffusi dalla Commissione elettorale centrale, il partito del presidente otterrebbe così 315 seggi su 450, controllando oltre i due terzi della Duma: Russia Unita avrebbe così la maggioranza necessaria per cambiare la Costituzione (che al momento prevede il limite di due mandati presidenziali consecutivi, e Putin è alla fine del secondo, ndr).

Le elezioni sono state definite una “farsa” dai partiti di opposizione, che hanno chiesto l'annullamento del voto. Garry Kasparov, l'ex campione di scacchi ora esponente indipendente dell'opposizione, ha annullato la sua scheda per protesta. I Comunisti hanno annunciato di voler contestare i risultati perché “le violazioni hanno oltrepassato tutti i limiti accettabili”. Tra le violazioni raccontate dall'opposizione, c'è anche l'offerta di biglietti della lotteria e di frigoriferi in cambio di un voto per Russia unita. Critiche sono giunte anche dagli osservatori internazionali dell'Osce: “Il potere esecutivo ha organizzato queste elezioni in modo da quasi eleggere questo Parlamento”, ha detto Kimmo Kiljunen, vicepresidente dell'Assemblea parlamentare dell'organizzazione.

Tra gli eletti alla Duma c'è anche Andrei Lugovoi, l'uomo hce la Gran Bretagna accusa di aver somministrato il polonio ad Aleksandr Litvinenko, l'ex spia del Kbg assassinato a Londra nel novembre dell'anno scorso. Lugovoi è stato eletto deputato nelle liste del Partito liberaldemocratico, alleato di Putin.
 
Parole chiave: russia, putin, elezioni, unita, kasparov
Categoria: Elezioni, Politica
Luogo: Russia