26/09/2007versione stampabilestampainvia paginainvia



I dittatori militari birmani, dopo aver imposto il coprifuoco, hanno ordinato l'attacco: si teme un monaco morto
immagini tv dei lacrimogeni
di gianluca Ursini
 
Almeno cinque morti a Rangun mentre l'esercito ha iniziato a sparare all'impazzata contro la folla in due punti della città. Dopo gli scontri della mattinata alla pagoda Shwedagon dove un primo gruppo di monaci provava a forzare il blocco dei  poliziotti antisommossa - con un primo monaco morto per le botte - circa 10mila manifestanti si sono diretti alla pagoda Sule, di fronte il Municipio di Rangun. Pochi minuti fa i poliziotti del 22esimo battaglione hanno aperto il fuoco all'impazzata contro una folla di migliaia di monaci e studenti. Turisti che si trovavano nella piazza parlano di decine di corpi a terra. I morti certificati dagli ospedali al momento ammontano a cinque 
 
 
 
Tutto il peggio che ci aspettavamo Gas lacrimogeni sui monaci buddisti. Notizie contrastanti sulla prima vittima: un monaco ucciso dai colpi inferti alla testa dai poliziotti antisommossa. Manganelli in azione già da 10 ore. Cariche sui dimostranti che provano ad avvicinarsi ai luoghi simbolo della protesta negli otto giorni precedenti. Le tre principali pagode del paese tra Rangun e Mandalay cordonate da soldati in assetto da battaglia urbana. Già in carcere 80 religiosi. Due anni di carcere per chi si fa vedere in giro tra le 9 di sera e le 5 del mattino. Un comico, un poeta e un attore in carcere per le loro opere satiriche sul regime. Interdetto l'accesso a tutti i siti internet birmani. PeaceReporter ha provato a telefonare in Birmania, ma anche le comunicazioni telefoniche sono state bloccate.
 
il famigerato Battaglione 22 si preparaManette e manganelli Per prima cosa ieri sera la Giunta dittatoriale aveva imposto nelle città più grandi, Rangun (per i militari Yangun) e Mandalay, un coprifuoco assoluto dalle 9 alle 5; con i camion carichi di militari a pattugliare tutti i viali incessantemente. Impediti i capannelli con più di 5 persone: pena la detenzione per due anni in carcere. Poi dalla prima mattinata i reparti della 22esima divisione dispiegati in 5mila attorno la Shwedagon Pagoda, la più sacra di Birmania che hanno impedito l'accesso al corteo di 2mila monaci che si avvicinava per pregare, come già successo negli otto giorni precedenti, fino ai 30mila monaci in marcia martedì 25, insieme con altri 70mila studenti e dissidenti. I soldati hanno prima sparato in aria come intimidazione per poi passare, come temuto, alla carica.
 
per le strade di Rangun martedìCariche e bastonate, forse un morto Gas lacrimogeni sono stati sparati per disperdere la folla che si ingrossava di minuto in minuto. Alla fine i soldati hanno usato pesantemente i manganelli; oltre un centinaio di monaci sono stati feriti. Ottanta tra loro tradotti alla caserma di polizia più vicina, agli arresti. E dal Civico ospedale di Rangun la notizia peggiore, la più temuta: forse uno dei giovani religiosi, a causa delle botte di manganello rimediate in testa, è morto. La notizia è stata diffusa da una sindacalista italiana Cisl esperta di questioni birmane, ma non ha al momento conferme dalle maggiori agenzie di stampa. Intanto anche la pagoda Sule, secondo centro delle proteste dei giorni scorsi, è stata circondata dai militari per impedire l'accesso ai manifestanti. A Mandalay i soldati hanno fermato 300 monaci e 30 suore buddiste sulla soglia della pagoda Mahamuni Paya, allontanandoli a forza di bastonate. I religiosi si sono allora diretti verso il municipio in centro città, dove hanno trovato già 2mila agenti ad attenderli. "Sono pronti a spararci addosso in ogni momento, ora abbiamo paura", ha dichiarato alla tv satellitare Al Jazira un giovane religioso.
 
il comico arrestato ZarganarArtisti e monaci in galera La repressione era iniziata a sera, e oltre al coprifuoco, il regime dittatoriale sorretto dagli aiuti economici cinesi e dal sostegno militare russo, è passato alla prevenzione del dissenso e della satira. Aung San Suu Kii, leader della Lega Nazionale Democratica, figlia del padre della patria Aung San, si trova in una prigione fuori Rangun, per evitare che i manifestanti vadano a ossequiare fuori la sua abitazione questa premio Nobel 1991 per la Pace, da sempre fautrice della lotta non violenta. Come non violenta, ma satirica, era la protesta degli ultimi anni del comico Zargana (nome d'arte) del poeta Aung Wai e dell'attore Kyo Thu. Tutti prelevati a casa nella notte dai poliziotti
 
Come Gandhi, Mandela o TienanMen Il regime è indifferente alle esortazioni del vescovo antiapartheid sudafricano Desmond Tutu e della massima autorità religiosa buddista, il Dalai Lama, che hanno pregato i militari di non intervenire con la forza. Adesso che però la violenza ha prevalso, c'è da aspettarsi che la situazione vada a peggiorare; anche perché i monaci non mollano, in quella che sta diventando una delle maggiori dimostrazioni della forza dei metodi non violenti nella storia recente, così come il movimento Gandhiano per l'indipendenza indiana, o la lotta di Nelson Mandela, o la rivota di TienanMen nel 1989 degli studenti cinesi.
 

Gianluca Ursini

Articoli correlati:
26/09/2007 Non lasciateci soli: Il dissidente in esilio Kim Maung Win a PeaceReporter: la repressione violenta è pronta. Il mondo si unisca al nostro fianco
25/09/2007 Pronti a usare il pugno di ferro: La Giunta militare birmana sta per usare le maniere forti contro i monaci buddisti in protesta, questione di ore
21/09/2007 Fino alle estreme conseguenze: I monaci buddisti, riuniti in 'Alleanza Birmana' sfidano il regime e continueranno a marciare. Fino alla cacciata dei militari
13/09/2007 Viaggio al termine della Dittatura: viaggio da turista di una reporter in un Paese interdetto ai giornalisti, tra una popolazione terrorizzata dalla dittatura
24/08/2007 Rambo IV, un inno alla violenza: Combatterà in Birmania in difesa dei Karen. Ma con una ferocia sanguinaria senza precedenti
22/08/2007 Benzina sul fuoco birmano: Si è tenuta oggi la maggiore manifestazione di protesta contro il regime birmano degli ultimi due anni, con oltre 20 arresti
17/07/2007 Le pale dell'elicottero: Il Governo indiano viola l'embargo di fornire armi alla dittatura birmana. E invia un elicottero prodotto con parti europee. Ed italiane
05/07/2007 Botta e risposta: La Croce Rossa Internazionale critica il regime birmano. E da Yangun arrivano accuse di contatti con i ribelli
02/05/2007 Karen, la fuga infinita: L’esercito birmano, tornato all’offensiva, minaccia i campi profughi in Thailandia
23/04/2007 Birmania, fuggiti dall’orrore: Nel campo di Mae La, tra i profughi Karen fuggiti alle atrocità dell'esercito brimano
La scheda paese: Gli argomenti più discussi: Le parole chiave più ricorrenti:
creditschi siamoscrivicicollaborasostienicipubblicità