15/08/2007versione stampabilestampainvia paginainvia



L'Akp di Erdogan candida Abdullah Gul alla presidenza. E la Turchia si chiede cosa succederà
Se alla fine prevarrà la matematica, si potrebbe dire “molto rumore per nulla”. Perché il ministro degli esteri Abdullah Gul, come quattro mesi fa, è di nuovo il candidato del Partito per la giustizia e lo sviluppo (Akp) alla presidenza della Turchia. Forte del trionfo alle elezioni del 22 luglio, il partito del premier Recep Tayyip Erdogan tenta quindi la spallata finale, e a meno di colpi di scena sembra che niente potrà fermare Gul. Per l'élite laica del Paese, che lo scorso aprile si ribellò all'idea di vedere la presidenza finire in mano a un islamico con moglie velata, sarebbe un colpo duro da digerire. Ma secondo molti osservatori, anche quelli che hanno accolto positivamente la sua vittoria elettorale, l'Akp sbaglia a cercare di stravincere. Perché il pericolo è quello di destabilizzare la Turchia.

Abdullah Gul con la moglie HaydunnisaVerso la presidenza. Gul ha annunciato la sua candidatura martedì mattina, dopo aver discusso in un incontro “fruttuoso” con il leader del partito nazionalista Mhp, Devlet Bahceli. La presenza di 70 deputati nazionalisti in Parlamento è ciò che rende diverso il quadro istituzionale da quello di aprile, quando l'Assemblea era divisa tra Akp e Partito repubblicano del popolo (Chp). Insieme al Chp, l'Mhp costituisce l'opposizione laica al governo. Ma contrariamente ai parlamentari del partito fondato da Ataturk, che quattro mesi fa uscirono dall'aula durante le votazioni per la presidenza puntando a far mancare il numero legale, i nazionalisti hanno promesso di non boicottare i lavori. In pratica: anche senza ricevere il voto di altri deputati, l'Akp (che ha 341 deputati su 550) dovrebbe essere in grado di eleggere Gul al terzo turno di scrutinio il 28 agosto, quando basteranno 276 voti e non una maggioranza dei due terzi. Lo stesso esito che ci si attendeva in primavera, ma il ricorso – sfruttando un cavillo inedito – del Chp alla Corte costituzionale annullò tutto e portò alle elezioni parlamentari anticipate.

I dubbi. Ma se l'esito sembra così scontato, non ci si spiegherebbe perché la seconda candidatura di Gul sia stata così sofferta. Secondo gli analisti, il premier Erdogan avrebbe cercato di convincere il suo fedele alleato a desistere, per non alimentare un clima di scontro. Dopotutto, era stato lo stesso Erdogan a promettere un “candidato di compromesso” nel caso l'Akp avesse vinto le elezioni. Ma le pressioni della base – basta ricordare il coro “Gul presidente” della folla di Ankara durante il comizio per celebrare il trionfo del 22 luglio – hanno evidentemente convinto il ministro degli esteri a rivendicare una carica che non concede gli stessi poteri del premier, ma è piena di significato. Già nei suoi discorsi di dieci anni fa, quando militava nel “Partito del benessere” poi messo fuorilegge perché troppo islamico, Gul presentava la conquista del palazzo presidenziale di Cankaya come un obiettivo fondamentale per cambiare il Paese.

Il premier turco Recep Erdogan, con alle spalle un ritratto di Mustafa AtaturkI timori dei laici. In Turchia il presidente nomina gli ufficiali, comanda le forze armate e ha potere di veto sulle proposte di legge. Tradizionalmente il ruolo è stato ricoperto da ex generali, giuristi e altri esponenti dell'élite laica. La militanza islamica di Gul – molti membri dell'ex Partito del benessere sono poi confluiti nell'Akp – è una minaccia per chi teme una deriva religiosa della Turchia. E poi la moglie di Gul, Hayrunnisa, non solo porta il velo ma alcuni anni fa si è appellata alla Corte europea per i diritti umani dopo che l'università di Ankara le aveva negato l'iscrizione, proprio per il suo fazzoletto ai capelli. Secondo le attuali leggi turche, che proibiscono il velo negli uffici pubblici, la signora Gul dovrebbe togliersi il velo nel palazzo che dovrebbe diventare casa sua.

I possibili scenari. L'opposizione laica non ha preso bene la notizia della seconda candidatura di Gul. Deniz Baykal, leader del Chp, ha annunciato un altro boicottaggio in aula e si è rifiutato di incontrare l'aspirante presidente, dichiarando che Gul “userà la carica di presidente per trasformare la Turchia in uno stato mediorientale, cacciando giudici e rettori universitari fedeli ai principi laici del Paese”. Ora tutti attendono una mossa dei militari, autori di quattro colpi di stato negli ultimi cinquanta anni. In aprile bastò una presa di posizione pubblicata sul sito delle forze armate, per far capire che aria tirasse. “Anche se l'esercito permette a Gul di diventare presidente”, spiega Wolfango Piccoli, un'analista dell'Eurasia Group, “sarà più vigile e sicuramente aspetterà il primo errore di Gul o di Erdogan. Questo potrebbe rendere la vita difficile al governo sulla questione dei guerriglieri curdi in Iraq, sull'Unione Europea e forse anche sulle privatizzazioni delle compagnie statali”. L'altro rischio è che la vendetta si compia per via giudiziaria. Lasciando il seggio di deputato, Gul perderebbe anche l'immunità. E se la magistratura decidesse di rimettere le mani nello scandalo di corruzione per il quale è stato condannato Necmettin Erbakan, leader dell'ex Partito del benessere, Gul stavolta non sarebbe più intoccabile.
 

Alessandro Ursic

Articoli correlati:
24/07/2007 Mamma li islamici: Il Chp e i suoi elettori sono i grandi sconfitti delle elezioni in Turchia
23/07/2007 Erdogan, e chi altri: Economia, politica, religione, riforme: perché metà della Turchia ha votato Akp
22/07/2007 La Turchia sceglie Erdogan: Nelle elezioni trionfa l'Akp, che potrà continuare a governare. Ma non avrà la presidenza
21/07/2007 Quelli che hanno già perso: I voti di 20 milioni di turchi saranno ancora inutili: un effetto della soglia di sbarramento al 10 percento
20/07/2007 Un aereo per votare: Disavventure dei passeggeri in partenza per la Turchia a un giorno dal voto
19/07/2007 Un premier che divide: Erdogan va verso la riconferma. Ma dall'entità della vittoria dell'Akp dipenderà il futuro del Paese
19/07/2007 Uniti contro Erdogan: Repubblicani e nazionalisti dovrebbero costituire l'unica alternativa all'Akp in Parlamento
19/07/2007 La questione curda: Dalla minaccia di invadere l'Iraq alla lista di candidati indipendenti, i curdi sono un fattore
18/07/2007 Mister 301: Kemal Kerincsiz è l'avvocato ultranazionalista che ha portato in tribunale Pamuk e altri intellettuali
03/06/2007 Tra i guerriglieri del Pkk: Dal Kurdistan iracheno, i ribelli partono per attaccare la Turchia. E Ankara minaccia guerra
25/05/2007 Guerra di parole: Il premier turco Erdogan prospetta un'invasione dell'Iraq per sconfiggere i guerriglieri del Pkk
12/05/2007 Le due Turchie: Viaggio in un Paese diviso tra laici e islamici, nel giorno di nuove manifestazioni a difesa del 'secolarismo'
Conflitto in quest'area: La scheda paese: Gli argomenti più discussi: Le parole chiave più ricorrenti:
creditschi siamoscrivicicollaborasostienicipubblicità