23/05/2006versione stampabilestampainvia paginainvia



Continuano gli scontri e le violenze nel Sahara Occidentale
L’ultima settimana in Sahara Occidentale è stata caratterizzata da manifestazioni dei saharawi e dalla repressione da parte della polizia marocchina. Il giorno più caldo, il 18 maggio scorso, quando sono stati almeno 70 i dimostranti arrestati e altrettanti quelli feriti.
 
una immagine degli scontri a el aaiunBotte da orbi. La scintilla che ha scatenato le violenze è stata la visita a El Aaiun, la capitale del Sahara Occidentale, di una commissione delle Nazioni Unite inviata da Kofi Annan per una verifica della situazione sul territorio. Il corteo voleva sensibilizzare i membri della commissione Onu al rispetto dei diritti umani dei saharawi e all’organizzazione del referendum, atteso da 30 anni, per stabilire il destino del Sahara Occidentale, ex colonia spagnola occupata dal Marocco nel 1975. Il corteo è stato subito affrontato dalla polizia marocchina (anche se alcuni arresti ‘preventivi’ erano avvenuti il giorno prima), che ha trascinato via alcuni dei leader saharawi. I dimostranti si sono dispersi in varie zone della città, ma non sono tornati a casa, cercando di ottenere un incontro con la commissione Onu che, vista la situazione, si era barricata in albergo. Alla fine alcuni portavoce dei saharawi sono stati ricevuti, e hanno denunciato che molti agenti marocchini erano infiltrati nel corteo, con abiti tradizionali saharawi e con bandiere marocchine, per dare una visione distorta agli ispettori Onu della situazione.
 
un posto di blocco della polizia marocchina a el aaiunClima d’impunità. In questo stesso clima è maturata la brutale aggressione della quale è stata vittima Hayat El Khasmi, la figlia dell’attivista saharawi Aminetou Haidar, che da anni si batte per la difesa dei diritti del suo popolo. Hayat, poco più di una bambina, è stata accusata dai dirigenti della scuola Ennahj di El Aaiun,  quella che frequenta, di aver imbrattato i muri dell’edificio con scritte a favore dell’autodeterminazione del popolo saharawi. La piccola, accusata davanti a tutti i compagni, è stata anche malmenata dai dirigenti scolastici. L’unica sua colpa, secondo i saharawi, è quella di essere figlia di una donna che si batte da sempre contro l’occupazione marocchina e che per la sua battaglia ha già scontato, in condizioni disumane, 3 anni e 7 mesi in carcere. Due giorni prima della punizione che ha colpito la figlia, l’attivista saharawi aveva rilasciato un’intervista al quotidiano spagnolo El Periodico, nella quale denunciava la situazione nel Sahara occupato.
 
la polizia marocchina si prepara a una carica a el aaiunUna storia infinita. Teatro della battaglia tra dimostranti e polizia e dell’aggressione alla figlia di Aminetou Haidar è stata la città di El Aaiun, quella che sarebbe la capitale di un futuro stato saharawi, ma che adesso ospita la famigerata ‘Càrcel Negra’, il carcere nero, il penitenziario dove la polizia marocchina rinchiude i prigionieri politici saharawi. E sempre a El Aaiun ha sede la Minurso, la missione Onu per il Sahara Occidentale, quella che doveva organizzare il referendum per stabilire il futuro dell’ex colonia. Il progressivo disinteresse delle Nazioni Unite, che paiono intenzionate a non rinnovare il mandato della Minurso, e quello delle potenze occidentali sembra ormai significare che la comunità internazionale dia per acquisita l’annessione della terra dei saharawi da parte del Marocco, e tenda a lasciare la situazione così com’è. Allora la protesta dei saharawi è riesplosa forte come non mai negli ultimi anni. Ma allo stesso tempo si è inasprita sempre più la repressione della polizia marocchina, che può contare su una certa impunità, garantita dal disinteresse dell’opinione pubblica occidentale verso quello che accade in Sahara Occidentale.  

Christian Elia

creditschi siamoscrivicicollaborasostienicipubblicità