24/03/2006versione stampabilestampainvia paginainvia



A 30 anni dal colpo di stato la comunità artistica di Buonos Aires commemora la lotta e la resistenza
scritto per noi da
Massimo Bonato
 
Sono passati 30 anni dal colpo di stato che condannò l’Argentina a 7 anni di dittatura militare. E la comunità artistica della capitale rioplatense commemora quegli anni di lotta e resistenza alla Junta militàr, rievocando le immagini delle ‘Silueteadas’ del 1983 e 1984. Una mostra è stata allestita nella sala Abraham Vigo del Centro Cultural de la Cooperación di Buenos Aires, documentando per la prima volta quella rivolta artistica attraverso le testimonianze fotografiche, per lo più inedite, realizzate da Guillermo Kexel e le testimonianze scritte da Julio Flores, co-autori dell’iniziativa, assieme al compianto Rodolfo Aguerreberry.
 
Storia. La dittatura militare stava esalando gli ultimi respiri quando, nel settembre 1983 tre artisti decisero di unirsi alle ‘Madres’ di Plaza de Mayo nella Terza Marcia della Resistenza. L’unico assembramento che mantenesse una parvenza di legalità agli occhi dei militari rimaneva il passeggio, ed era “passeggiando” che le Madres marciavano in Plaza de Mayo gridando alla volta della Casa Rosada, sede del Governo, per rivendicare la giustizia brutalmente violata di figli e nipoti desaparecidos.
Rodolfo Aguerreberry, Julio Flores e Guillermo Kexel, tre artisti plastici, vollero unire alle Madres il valore simbolico delle Siluetas: un’iniziativa inedita che rendesse conto del vuoto lasciato dalle oltre 30mila persone scomparse. Un vuoto che andava riempito perché passando, sostando, osservando ci si rendesse conto di quanto fisicamente l’orizzonte sarebbe apparso diverso se popolato ancora da chi, dal 1976, era sparito nel nulla, nelle camere di tortura prima, e poi sepolto in anonime fosse comuni o lasciato cadere esanime in pieno oceano.
 
Le Siluetas. Dovevano essere semplici da produrre, in modo che chiunque, durante la marcia, potesse partecipare all’iniziativa. Vennero portati in piazza rotoli di carta e tutto l’occorrente per disegnare e colorare: studenti e passanti potevano semplicemente sdraiarsi e lasciar contornare il proprio corpo sulla carta, per dar vita a un’opera. Ogni silueta era così simile e nel contempo diversa: simile nei contorni fisici, ma diversa nei lineamenti o nelle colorazioni con cui liberamente ciascuno poteva rifinire il proprio lavoro; simile come una massa di persone e nel contempo diversa come la storia di ciascun individuo, di ciascun figlio o nipote o sorella o amica mancante. Le siluetas a migliaia appese ai muri della Plaza de Mayo accompagnavano la marcia delle Madres e costituivano un atto di accusa schiacciante contro i crimini della dittatura.
La semplice tecnica artistica servita nelle scuole elementari per far prendere coscienza del proprio corpo e della propria fisionomia ai bambini, metteva in grado in quel momento chiunque di riappropriarsi dell’identità culturale avvilita dalla dittatura. Non era soltanto un gesto estetico destinato alla massa popolare: era un gesto politico che permetteva ai partecipanti di tornare ad aggregarsi, per riscoprire quel senso di comunione e solidarietà destrutturato e rarefatto, unendosi alle Madres con le grida e coi colori.  
Categoria: Diritti, Guerra, Popoli
Luogo: Argentina
Articoli correlati:
24/03/2006 Las silueteadas, una gesta popular: A 30 anni dal colpo di stato la comunità artistica di Buonos Aires commemora la lotta e la resistenza
07/03/2006 Per non dimenticare: Uno spettacolo teatrale per guardare in faccia il dramma argentino dei desaparecidos
27/10/2005 Finalmente giustizia: Si procede nei confronti dei 'represores' argentini nel processo di Roma
19/10/2005 Verità fino in fondo: Processo romano ai militari argentini: parla Eduardo Anguita
27/09/2005 Una brutta Storia. Ufficiale: Argentina, riparte il processo ai 'represores'. Luis Puenzo racconta come si vive una dittatura
23/09/2005 Meglio tardi che mai: Le nonne di Plaza de Mayo trovano l'81esimo figlio di desaparecidos
13/09/2005 Non c'è progresso senza giustizia: Juan Gelman, poeta argentino che ha subito la ferocia della dittatura
02/09/2005 Infrangiamo il muro del silenzio: Vera Jarach, due volte perseguitata da dittature, fondatrice delle 'Madres de Plaza de Mayo'
05/09/2005 La sorella ritrovata: Dopo 28 anni trovati i resti di una delle due suore francesi desaparecidas
30/08/2005 Sopravvissute: Tre donne raccontano il loro passaggio per le carceri della dittatura militare. E le difficoltà che sono seguite
30/08/2005 Nel rovescio del mondo: Il poeta Juan Gelman, in esilio per anni perché contro la dittatura militare
29/08/2005 Tango e campi di concentramento: Come fecero i militari ad uccidere 30mila persone
24/08/2005 Non li dimenticheremo 'Mai Più': Rubén Chababo, del Museo della Memoria di Rosario
29/08/2005 L'orrore cominciò ventinove anni fa: Come fare scomparire l'opposizione col favore dei media occidentali
29/08/2005 O da una parte, o dall'altra!: I preti dell'Argentina dei desaparecidos
29/08/2005 Niente ci toglierà la speranza: Un processo a Roma e il dramma di una nonna che non può vedere sua nipote
20/06/2005 Militanza della memoria: Madri, nonne, ma anche figli di Plaza de Mayo, invitano a non rassegnarsi al crimine dell’oblio
07/05/2005 Mai più: Le madri di Plaza de Mayo, l'emblema della lotta per la giustizia e la verità
20/04/2005 Crimine universale: L'ex militare argentino dei 'voli della morte' condannato per 30 omicidi
27/01/2005 Nazisti in sud America: Dopo la guerra sono arrivati in America Latina. Con appoggi eccellenti
La scheda paese: Gli argomenti più discussi: Le parole chiave più ricorrenti: