22/01/2006versione stampabilestampainvia paginainvia



La distruzione del patrimonio culturale in Kosovo in un documentario
“La responsabilità di tutto questo è di Milosevic, di quelli che stanno al potere. Ma non m’interessa la politica. Quello che m’importa è vivere dignitosamente. Cerchiamo di risollevarci con poco, anche guardando le foto di un tempo. È un modo per consolarci. A questa ci tengo molto. Era il mio collega, il mio più intimo amico. C’invitavamo a vicenda nelle nostre case, celebravamo insieme le feste religiose, ortodosse o musulmane che fossero, eravamo davvero inseparabili”.
 
da sinistra a destra: crovato, il pope ortodosso e il sindaco cacciari alla presentazione del documentarioQuesto racconto è di un uomo albanese kosovaro che ricorda così Zoran, un suo vecchio amico serbo. “Era amato da tutti ed era rispettato. Non ha mai parlato male degli albanesi. Durante la guerra nessuno lo ha visto coinvolto in nulla, il problema era che al lavoro c’erano altri serbi e sono convinto siano stati loro a bruciarmi la casa. Avevo chiesto a Zoran d’indagare, mi aveva assicurato che l’avrebbe fatto ma non mi ha mai detto nulla. Ma poteva parlare? Per lui è pericoloso. Sono avvenute cose orribili, impossibili da dimenticare. Zoran non ha fatto niente di male. Però per colpa d’altri si è allontanato dai miei pensieri. La guerra ha distrutto la nostra amicizia”.
Questo è un estratto di uno dei quattro filmati che compongono il documentario La distruzione invisibile, un lavoro del giornalista della Rai Maurizio Crovato. La distruzione del titolo è quella del patrimonio culturale serbo-ortodosso in Kosovo,  presentato recentemente presso il Centro Culturale Candiani di Mestre, alla presenza del sindaco di Venezia Massimo Cacciari e del prelato Gennadios Zervòs, Arcivescovo Metropolita Ortodosso d’Italia ed Esarca per l’Europa Meridionale.
 
luogo di culro ortodosso distrutto a pristina durante gli scontri di marzo 2004“Sradicare persone dalla loro terra, dalle loro memorie, dalla loro storia, è come ucciderli”, ha detto il sindaco di Venezia, “non è semplice comporre culture o etnie e questa composizione non avviene mai su una base politica, è una maturazione di coscienza. Il comprendersi fra culture, etnie diverse è un fatto personale, o diventa un fatto di formazione di persona e quindi non è sradicabile. Se invece è un fatto che deriva da leggi, norme, assetti istituzionali, può rompersi in ogni momento, quasi senza che nessuno se ne renda conto ed è difficilissimo capire anche il colpevole, la  vittima, le responsabilità. La tragedia dei Balcani insegna questo”. Singoli, famiglie, popolazioni trascinate, loro malgrado, nella follia di predicatore o dittatore di turno, e così s’innesca l’odio e il “gioco tragico” è fatto. Qualcuno parla e gli altri agiscono. Amici che diventano nemici senza saperlo. Onesti lavoratori che hanno visto la propria vita trasformarsi in una gabbia. Qualcuno un giorno deciderà che il Kosovo sarà una nazione. O magari no. Qualcuno un giorno deciderà che albanesi e serbi sono amici. E qualcuno gli crederà. Ma il mondo non può essere una decisione di pochi senza interpellare i primi attori della vita,
 
uno dei magnifici monasteri ortodossi in kosovoNel 1999 l’ONU ha concesso lo status di regione autonoma per il Kossovo, all’interno della federazione di Serbia e Montenegro. Solo 6 anni fa i serbi rappresentavano il 10 percento della popolazione kosovara, mentre oggi sono solo poche migliaia e per di più chiuse nei conventi o in miseri quartieri protetti dalle forze armate internazionali. Se un serbo va fuori dal seminato, è a rischio. Si nutrono approvigiandosi in negozietti, o producendo per sè. La gente che vive in Kosovo non ha un soldo, come racconta il documentario di Crovato, il quale sottolinea come “memorie antiche, recenti e contrapposte, retoriche etniche che riscrivono la storia incessantemente. Altri eserciti s’insediano su questa terra a garantire una pace precaria, insidiata da odi e rancori difficili da dimenticare una volta risvegliati dal passato remoto. Il ristorante distrutto ricorda che le differenze etniche sono macerie difficili da rimuovere. Peace-keeping è la strana non-guerra che si combatte qui, fatta di controlli, vigilanza, ma soprattutto di mediazioni sul campo, che spesso sfuggono alle diplomazie internazionali, lontane e sparse tra Bruxelles, Washington, e Mosca. Una non-guerra che si combatte con il colpo in canna e gli ambulatori militari pieni di civili locali che hanno bisogno di tutto, dalle diagnosi agli interventi chirurgici, alle medicine”.
           
famiglie serbe in kosovo giocano al riparo nei luoghi di cultoMa se è impossibile trascurare il fattore umano, non va dimenticato il lato culturale. La testimonianza del giornalista italiano racconta di luoghi sacri rasi al suolo, pericoloso campanaello d’allarme d’intolleranza. Basta la vista di un elemento cristiano e scatta qualcosa. “Negli ultimi mesi, 150, tra chiese, conventi ed edifici sacri sono stati distrutti o seriamente compromessi”, spiegava Crovato, “mentre prima del 1999, molte moschee erano state semi-distrutte”. Il Patriarcato di Peć, centro dei patriarchi serbi, è un complesso artistico di grandissimo valore del XIII-XIV secolo, ma contenente anche testimonianze dei secoli successivi. Si tramanda che sia stato fondato da San Sava, primo santo serbo. E si trova nella regione del Kosovo.
Incredibile testimonianza nel reportage, è la cerimonia di una giovane ragazza che prende i voti di monaca di clausura. L’evento, così com’è sottolineato anche dalla voce narrante, ha tutte le caratteristiche di un rito segreto, un cristianesimo dei primi tempi. Qui succede questo. In altri luoghi, l’opposto. Le immagini scorrono, chiese presidiate dai fucili come il Monastero di S. Arcangelo che per due volte, nel 1999 e nel 2003,  ha rischiato di essere distrutto. La telecamera gira sulla volta bizantina di S. Apostoli con le storie del Nuovo Testamento e San Sava: affreschi di una tale bellezza da poter “sfidare in emozioni” anche la giottesca Cappella degli Scrovegni di Padova. Il Kosovo, il cui patrimonio artistico “sarebbe” tutelato dall’UNESCO, è un protettorato internazionale delle Nazioni Unite. Ma perché si sa così poco di ciò che succede e di ciò che possiede? Crovato ricorda le parole di un giornalista polacco: “quando si distrugge un albero e ci sono dieci telecamere che lo riprendono, lì è un fatto storico. Quando si taglia un milione di alberi in Amazzonia ma non c’è nessuna telecamera, il fatto storico è come se non ci fosse”.
La  vita di esseri umani e della cultura s’intreccia in Kosovo. “La speranza è che qualcosa si muova nella giusta direzione”, commentava l’Arcivescovo Zervòs, “e si possano salvare innanzitutto gli esseri umani ed anche le testimonianze culturali. Ma se nulla dovesse succedere, resterebbe la testimonianza delle barbarie. La speranza è che si possa tornare a vivere con rispetto”.
 
 
Luca Ferrari  
Categoria: Guerra, Profughi, Religione
Luogo: Serbia
Articoli correlati:
04/01/2006 Riunire Mitrovica: Il dramma della città che dopo la guerra del 1999 è rimasta divisa
06/12/2005 I dannati della guerra: Oltre 500 profughi Rom in Kosovo vivono in una discarica da sei anni
03/12/2005 Camp Bondsteel: il racconto di un detenuto: Testimonianza dalla Guantanamo del Kosovo
29/11/2005 Il Kosovo verso una soluzione: Riprende il negoziato per lo status della provincia della Serbia
12/11/2005 Kosovo: il nodo dello status: Il Centro per la resistenza non violenta di Belgrado e il futuro della provincia
25/08/2005 In Serbia la libertà di stampa è un mito: Un ministro minaccia di morte una giornalista
21/07/2005 Desaparecidos del Kosovo: Per serbi e albanesi, fare i conti con il passato è difficile. Ma non impossibile
18/05/2005 Messaggi di pace: Le videolettere, la nuova frontiera della riconciliazione nei Balcani
14/03/2005 Esplosioni minacciose: Una bomba nella notte di Pristina
13/01/2005 Effetto Kosovo: Serbia, rapporti tesi con le minoranze albanese e magiara
21/10/2004 Un odio quotidiano: Domani i kosovari si recheranno alle urne, ma la guerra non ha risolto nessun problema
31/07/2004 Il Kosovo brucia ancora: Una volontaria italiana racconta le conseguenze degli scontri di marzo del 2004
30/07/2004 Il silenzio dell'indifferenza: I diritti degli omosessuali nei Balcani. La situazione in Serbia
22/05/2004 Le elezioni più lunghe: In serbia-Montenegro è in corso la campagna per le elezioni presidenziali
04/05/2004 Sfollati a Mitrovica: Dopo le insurrezioni del 17 e 18 marzo i serbi sfollati dai villaggi si sono riversati in città
21/04/2004 Mercenari Usa in Kosovo: Erano dipendenti della famigerata DynCorp le due poliziotte americane uccise in Kosovo
22/03/2004 Ritorno a casa: "Spero con tutto il cuore che la situazione torni tranquilla"
19/03/2004 L'odio di sempre: Kosovo, le violenze non sono improvvise. Nella regione ci sono scontri e tensioni
18/03/2004 Sotto la cenere: Sono passati cinque anni dalla guerra, ma in Kosovo la situazione non sembra cambiata
La scheda paese: Gli argomenti più discussi: Le parole chiave più ricorrenti: