28/09/2005versione stampabilestampainvia paginainvia



Argentina, riparte il processo ai 'represores'. Luis Puenzo racconta come si vive una dittatura
scritto per noi
da Gianluca Ursini
 
 
Luis Puenzo, regista argentino, 59 anni. La sua ultima opera ‘La puta y la ballena’ ha registrato successi di botteghino sia nel Paese natale che al di qua dell’oceano Atlantico, in Spagna. Fu il primo latinoamericano a vedere insignito di un ‘Oscar per il miglior film straniero’ una sua opera: accadde nel 1985 con ‘Historia Oficial’,  la vicenda di una professoressa che si accorge solo alla fine della dittatura di aver vissuto fianco a fianco con un ‘represor’ della ‘Guerra Sucia’ (la 'Guerra Sporca' che la polizia segreta combattè contro gli oppositori del regime militare); la protagonista, interpretata dalla pluripremiata Norma Aleandro, scopre anche che la propria figlia adottiva è stata tolta (‘espropriada’) ai suoi legittimi genitori, due desaparecidos. Una opera dura, che ha fatto riflettere il mondo intero su come di quel Paese fino a quel momento fosse stata imposta una visione di La affiche del filmfacciata – una ‘Historia oficial’ – a cui non corrispondeva la realtà che i militari avevano nascosto per 7 anni, dal 1976 al 1983. Dopo quella pellicola, fra le sue firme più conosciute la personale versione de ‘La Peste’ del 1993, con William Hurt e Robert Duvall. Tra i grandi rimpianti artistici che confida durante l’intervista rimane un progetto con un produttore italiano ancora irrealizzato, sulla vita di un anarchico italo-argentino autore di numerosi attentati dinamitardi nella Buenos Aires di fine '800. PeaceReporter lo aveva incontrato tempo fa nella sua casa di produzione di Palermo Viejo, nella capitale argentina, per commentare una serie di novità positive sugli anni della repressione politica, dalla promessa di creare un Museo della memoria, alla decisione della Corte suprema argentina di annullare le leggi di amnistia per i militari colpevoli dei crimini di genocidio. 
Momento fausto. Adesso le sue parole assumono una valenza diversa, mentre Luis Puenzomercoledì 28 settembre viene aggiornata a Roma l’udienza preliminare del secondo processo italiano a carico di militari, per la sparizione e l’omicidio di tre italo argentini. Sulla barra degli accusati grandi ufficiali, come l’ammiraglio argentino Emilio Massera, dell’’angel de la muerte’ Alfredo Astiz e di Jorge ‘El Tigre’ Acosta, più altri tre esecutori di secondo piano, che avrebbero pianificato la morte di Giovanni e Susanna Pegoraro e di Angela Aieta. Un primo processo a carico di 7 militari per la sparizione di otto italoargentini si è concluso in Cassazione nell’aprile 2004, con due ergastoli e sei condanne a 24 anni di carcere.
 
 
Cosa ne pensa della promessa di creare un nuovo Museo della Memoria Parenti a un processo mostrano foto di 'represores'nella Esma, dove vennero torturati gran parte dei 30mila desaparecidos?
“La decisione del presidente Nestor Kirchner di aprire un museo della Memoria sulla “Guerra Sucia” combattuta in questo Paese dal ’76 all’83 è coraggiosa e valida, ma prima di giudicare dobbiamo aspettare per vedere se avrà un seguito pratico; se dovesse rimanere soltanto un gesto simbolico, per mostrare la verità agli argentini, allora rimarrebbe pura demagogia”.
 
Henry Kissinger, ministro Esteri Usa durante la dittatura argentinaCosa c’è da aspettare, per esempio?
“Perché questa scelta sia valida serve sia il primo passo per riaprire i processi a carico di chi ha voluto quella guerra occulta e la ha praticata; è stato fondamentale dichiarare incostituzionale la “Ley de Obedencia debida”, la legge sull’Obbedienza dovuta con la quale il governo di Raul Alfonsin nel 1986 mise una pietra sopra i soprusi dei repressori di secondo piano, stabilendo che avevano solo eseguito degli ordini e non potevano far altrimenti, e quella del 'Punto Final' sua omologa”. (sentenza definitivadella Corte suprema  il 15 giugno scorso, ndr)
 
Dopodiché?
“Per completare il quadro di giustizia su quegli anni, non può mancare un processo agli economisti, cosa mancata finora,perché i veri artefici della guerra civile che ha segnato quel periodo sono coloro che hanno deciso le politiche economiche che negli anni successivi ci hanno affossato”.
Le parole di Puenzo sembrano segnate dalla crisi che ha sprofondato il Paese nella miseria dal dicembre 2000: una crisi che per lui comincia già negli anni ’80: “Le pessime condizioni economiche in cui viviamo ora datano alle politiche decise dai ministri dell’economia di vari Paesi latinoamericani nel decennio 1970: per capire le dittature e le repressioni bisogna risalire a quelle scelte neoliberiste.. contro quelle politiche si stava scatenando il dissenso nel nostro Paese, così come in Cile, e per difendere quelle politiche i militari presero il potere e scatenarono la repressione. Nonostante tutto questo, a tutt’oggi nessun economista, nessun ministro per l’economia è mai stato indagato. Se andiamo a vedere bene, erano tutti colleghi d’Università e avevano lo stesso credo economico, quello ultraliberista della ‘Scuola di Chicago’: basta riguardarsi i loro cv per avere una mappa molto chiara dei loro piani e della rete che avevano creato in Sud America”.
 
Ma creare un Museo della Memoria e rivangare vicende di oltre 30 anni fa annullando le leggi di amnistia dei militari, che utilità pratica può avere?
“L’importanza di un Museo si può capire solo se si tiene a mente che gli Argentini di quel periodo non hanno nessuna memoria e non vogliono assolutamente ricordare… chi ha vissuto quegli anni sa come fosse impossibile non vedere quel che stava succedendo, ma la maggioranza della nostra popolazione voleva credere che quel che stava capitando non era una cosa che riguardava loro, ma gli altri, quelli che “si vanno a cercare i guai” o che si “mettono in politica” ..
 
Impossibile, dice.. Era così comune che un amico o conoscente scomparisse?
“Era una cosa che capitava nella vita di tutti i giorni, ti poteva perfino succedere che vedessi una Ford Falcon (l’autovettura prediletta dai represores) fermarsi in mezzo alla strada davanti un ragazzo qualsiasi, vedere tre ceffi scendere al volo e caricare il malcapitato in macchina; oppure poteva succedere in ufficio: dal sabato al lunedì scompariva un tuo collega del lavoro e nessuno ne sapeva più nulla; il nostro compito allora, per gli amici e chi ci teneva davvero ai desaparecidos, era procurare loro un buon avvocato e tentare di “blanquearlo”, ossia di regolarizzarli, letteralmente “portarli al bianco dal nero (temine usato dagli economisti per l’economia sotterranea) in modo che comparissero come arrestati ufficialmente in qualche caserma, altrimenti i militari potevano dire tranquillamente di non saper nulla della scomparsa di Tizio o Caio”..
 
L'emblema dei 'Montoneros' peronisti di sinistraUna tragedia che colpiva tutti..
“Bisogna anche tenere a mente che non erano solo gli attivisti di sinistra  a diventare “desaparecidos”, ma chiunque si impegnasse attivamente in politica, anche i militanti delle Organizzazioni di volontariato o i peronisti, membri di un partito che contava anche elementi di destra tra le sue correnti: (la loro organizzazione giovanile più attenta alla giustizia socuiale, i 'montoneros' , vennero spazzati via dalla repressione, ndr) il solo fatto di essere giovane, e soprattutto, colpa grave, uno studente, rendeva bersagli possibili della repressione”.
 
Come fa ad essere così sicuro che gli argentini volessero dimenticare?
“L’esempio lampante del come i miei connazionali volessero rimuovere quel periodo nero, viene dal mio film premiato con l’oscar, Historia Oficial: quando uscì nelle sale nel 1985 riscosse uno scarso successo, ma dopo che cominciò ad ottenere i primi successi in Europa con il premio “Migliore attrice” a Cannes alla protagonista, Sandrine Bonnaire, potemmo riportarlo nelle sale e iniziò a incassare abbastanza, ma la consacrazione con settimane di coda  ai botteghini la abbiamo avuta soltanto quanto il film vinse nell’86 il Golden Globe  e poi l’Oscar in Una immagine de 'Historia Oficial', con Sandrine BonnaireAmerica.. la maggioranza degli argentini ha un atteggiamento verso la repressione che hanno anche alcuni Europei verso l’Olocausto: è un ricordo scomodo che fa male e si cerca di lasciarselo dietro, come tutte le cose spiacevoli, semplicemente di dimenticarlo; è per questo che sono contento che qualcuno nella mia Nazione senta il bisogno di ricordare..”
 
 
Categoria: Diritti, Tortura, Politica
Luogo: Argentina
Articoli correlati:
23/09/2005 Meglio tardi che mai: Le nonne di Plaza de Mayo trovano l'81esimo figlio di desaparecidos
13/09/2005 Non c'è progresso senza giustizia: Juan Gelman, poeta argentino che ha subito la ferocia della dittatura
13/09/2005 Genocidio dimenticato: A un anno dal rapporto sulle vittime della guerra, il Perù ricorda le sue 69.280 vittime
02/09/2005 Infrangiamo il muro del silenzio: Vera Jarach, due volte perseguitata da dittature, fondatrice delle 'Madres de Plaza de Mayo'
05/09/2005 La sorella ritrovata: Dopo 28 anni trovati i resti di una delle due suore francesi desaparecidas
30/08/2005 Sopravvissute: Tre donne raccontano il loro passaggio per le carceri della dittatura militare. E le difficoltà che sono seguite
29/08/2005 Tango e campi di concentramento: Come fecero i militari ad uccidere 30mila persone
24/08/2005 Non li dimenticheremo 'Mai Più': Rubén Chababo, del Museo della Memoria di Rosario
29/08/2005 O da una parte, o dall'altra!: I preti dell'Argentina dei desaparecidos
29/08/2005 Il Corriere e i desaparecidos argentini: Come un grande quotidiano nazionale ha taciuto un genocidio
29/08/2005 Missing: Giornata internazionale dei detenuti "desaparecidos": il dossier e i processi in corso
29/08/2005 Niente ci toglierà la speranza: Un processo a Roma e il dramma di una nonna che non può vedere sua nipote
01/07/2005 I fiori ostinati della speranza: Basta annullare due leggi per mettere fine all'impunità dei crimini della dittatura?
30/06/2005 Un popolo dimezzato: Ammissione ufficiale: 300 mila ceceni morti e 200 mila spariti nel nulla
20/06/2005 Militanza della memoria: Madri, nonne, ma anche figli di Plaza de Mayo, invitano a non rassegnarsi al crimine dell’oblio
16/06/2005 Massimo Carlotto: Sulla sentenza del tribunale argentino che riapre i processi ai militari golpisti
07/05/2005 Mai più: Le madri di Plaza de Mayo, l'emblema della lotta per la giustizia e la verità
26/04/2005 Feliz viaje, amigo mio: Ricordo di Julio Augusto García, uomo di pace e fotoreporter, scomparso in Ecuador
11/04/2005 La verità sepolta: I familiari dei desaparecidos reclamano giustizia di fronte alla 'Colonia dignidad'
14/07/2004 Passaporti per la vita: L'avventura di un giovane diplomatico italiano per salvare decine e decine di perseguitati
23/06/2004 Identità cercasi disperatamente: Un centro di aiuto psicologico si rivolge ai figli dei desaparecidos
18/12/2003 Non c'è democrazia senza giustizia: Intervista a Enrico Calamai, ex console italiano nell'Argentina di Videla
La scheda paese: Gli argomenti più discussi: Le parole chiave più ricorrenti: