23/07/2005versione stampabilestampainvia paginainvia



Tre attentati nella notte nella località turistica: 90 morti e 200 feriti
L'hotel distrutto dall'esplosioneAlmeno novanta morti e duecento feriti, di cui una ventina in fin di vita. Una strage di turisti, egiziani ma anche stranieri. Una strage già rivendicata dalle 'Brigate Abdullah Azzam' (leggi il testo e la scheda su Abdullah Azzam), la stessa formazione terroristica - appartenente alla rete di al Qaeda - che ha firmato gli attentati di Taba del 2004, in cui morirono 34 persone.
Gli attentati di venerdì notte a Sharm el Sheikh, sul Mar Rosso, il cuore turistico dell’Egitto, hanno colpito due alberghi e il bazar della medina, la città vecchia di Sharm.

L'autobomba nel sukTre esplosioni in contemporanea. La prima esplosione è avvenuta all’una di notte ora locale, le 23 in Italia, nel suk. Qui le vittime sarebbero una ventina di lavoratori egiziani che affollavano un caffè.
Subito dopo, sul lungomare di Naama Bay, un’autobomba si è schiantata contro l’ingresso del Ghazala Gardens Hotel, distruggendone la facciata. E’ stata l’esplosione più devastante.
Contemporaneamente un’altra autobomba è scoppiata nel parcheggio di un vicino albergo, Moevenpick Hotel.
Secondo il ministro dell'interno egiziano Habib el Adly, le due autobomba avevano targhe straniere. Finora i morti accertati dalla polizia locale tra i turisti stranieri sono otto: due britannici, un ucraino, un russo, un israeliano, un olandese un italiano:  Sebastiano Conti, 34 anni, originario di Acicastello (Catania). Dispersi tre suoi familiari.
 
La distruzione dopo l'attentatoVigilia della candidatura di Mubarak. Gli attentati sono avvenuti durante il ponte per la festa egiziana che celebra il 53esimo anniversario della rivoluzione del 1952, ma soprattutto alla vigilia del previsto annuncio del presidente egiziano Hosni Mubarak della sua candidatura alle elezioni presidenziali di settembre per un quinto mandato.
Dopo l'attentato Moubarak, parlando alla televisione, ha ribadito "la determinazione a proseguire con forza la lotta contro terrorismo" e ha aggiunto che nessuno minerà la sicurezza dell'Egitto.
L’ultimo attentato in Egitto era stato il 7 ottobre a Taba: 34 morti. Il più devastante, primo di quello di questa notte, si era verificato il 17 novembre 1997 a Luxor: allora morirono 62 turisti.
 
L'ingresso dell'albergo colpitoLe condanne internazionali. Il segretario generale delle Nazioni Unite Kofi Annan ha espresso “dolore e collera” e ha condannato “l'uso del terrore e della violenza cieca contro civili, che nessuna causa e nessuna fede possono giustificare”.
Dura condanna anche dal Segretario di stato americano Condoleezza Rice, in visita a Gerusalemme: ha definito “insensati” gli attentati e ha detto: "Il nostro pensiero e le nostre preghiere vanno alle famiglie e alle vittime innocenti di tante nazioni che hanno subito questi attacchi”.
Anche l'autorità nazionale palestinese ha espresso la sua condanna: "Condanniamo fermamente gli attentati e porgiamo le nostre condoglianze al governo e al popolo egiziano e il nostro augurio per il ristabilimento dei feriti", ha detto Saeb Erekat, principale negoziatore palestinese.
Anche Hamas ha espresso al sua condanna. "Noi rinnoviamo la nostra contrarietà nei confronti di azioni di questo tipo - recita la nota - e ribadiamo che questi attentati peggiorano la situazione della sicurezza e della stabilità nei nostri paesi e vanno contro gli interessi della causa nazionale e islamica e di quella palestinese".
Queste poi le dichiarazioni del governo iraniano: "La Repubblica islamica dell'Iran condanna fermamente gli attacchi a Sharm el Sheikh ed esprime la sua vicinanza alle famiglie e ai Paesi di cui sono originarie le vittime", ha detto il portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Hamid Reza Assefi, denunciando che "l'utilizzo del terrore per raggiungere gli obiettivi è ingiusta". 
E.P.
Categoria: Guerra, Politica
Luogo: Egitto
Articoli correlati:
25/07/2005 I Fratelli Musulmani in riva al Nilo: Intervista di al-Jazeera al portavoce dei Fratelli Musulmani in Egitto
20/07/2005 La battaglia del Faraone - parte 1: L'Egitto si prepara alle presidenziali di settembre
20/07/2005 La battaglia del Faraone - 2 parte: L'Egitto si prepara alle presidenziali di settembre
25/05/2005 Cambiare tutto per non cambiare niente: Egitto, in vista delle elezioni un referendum per la modifica costituzionale
04/05/2005 Liberi arbitri: Oltre mille giudici minacciano di boicottare le elezioni se non avranno indipendenza
16/03/2005 L'uomo giusto: Scarcerato Ayman Nur, leader dell'opposizione egiziana
03/03/2005 La città dei morti: Al Cairo, metropoli dove convivono 17 milioni di persone, c'è una necropoli dove la vita continua
05/02/2005 Note sul Nilo: La musica egiziana e l'Occidente: tra contaminazione e resistenza
11/01/2005 Uniti contro Mubarak: Dopo venti anni, il presidente egiziano affronta una vera opposizione
18/11/2004 Tradizioni d'Egitto: Botteghe del Cairo e fabbriche cinesi, oasi berbere e templi della moda
08/06/2004 Non solo Abu Ghraib: Nelle carceri egiziane si pratica sistematicamente la tortura
04/06/2004 Verde speranza: Riqualificazione urbanistica e speranza di una vita migliore per migliaia di abitanti
14/05/2004 Il futuro dell'Egitto: La richiesta di riforme parte dal cinema
09/04/2004 Sekem, un altro mondo è possibile: Un misto fra un'azienda e un luogo, dove vivere è importante quanto lavorare
04/03/2004 La Bibliotheca Alexandrina: Dal cuore della disperazione nasce sempre la speranza
26/01/2004 Volevo fare la maestra: La storia di Osmana, 37 anni, nata in una zona rurale dell'Egitto
22/01/2004 Una strada di Pace: Per il processo di Pace in Medio Oriente questa strada gioca un ruolo fondamentale
La scheda paese: Gli argomenti più discussi: Le parole chiave più ricorrenti: