14/07/2005versione stampabilestampainvia paginainvia



Intervista a Francesco Sisci sulla Sco, l'alleanza tra Cina, Russia ed ex repubbliche sovietiche
Il logo della ScoL'Organizzazione di Cooperazione di Shanghai (Sco) è un organismo internazionale che raggruppa Cina, Russia, Kazakistan, Uzbekistan, Kirghizistan e Tagikistan.
Una sorta di Nato dell'Est.
L'ultimo summit della Sco tenutosi il 5 luglio ad Astana, capitale del Kazakistan, si è concluso con un documento dai toni molto forti nei confronti della presenza militare e delle interferenze politiche occidentali in Asia Centrale.

Abbiamo chiesto un parere a Francesco Sisci, corrispondente dalla Cina per La Stampa, collaboratore di Limes, vicedirettore della rivista di geopolitica eurasiatica Heartland, editorialista di Asia Times e autore del libro “Made in China”.
 
 
Può parlarci dell’evoluzione della Sco (dallo ‘Shanghai Five’ del 1996, all’ingresso dell’Uzbekistan nel 2001 fino al prossimo ingresso di Iran, India, Pakistan e Mongolia)?
Oltre a cambiare il peso demografico (Nazarbayev ha detto: “Così diventeremo mezzo mondo”) cambia il peso geopolitico della Sco?  In che modo? Come valuta l’impatto di un eventuale ingresso iraniano?
La Sco è nata come una creatura cinese e si è sviluppata sempre all’insegna di un’evidente centralità della Cina. Lo stesso nome dell’organizzazione lo dimostra. E così sarà anche in futuro, e non potrebbe essere diversamente dato che l’economia cinese è quattro volte quella russa.
Nonostante questo, Pechino non ha interesse a sottolineare la sua leadership nella Sco a discapito di Mosca: preferisce adottare un profilo di coordinamento con la Russia. Da parte cinese non c’è competizione. Membri attuali (rosso) e futuri (rosa) della ScoC’è n’è più in Russia, dove molti vedono la Cina come una minaccia, soprattutto sulla Siberia, regione disabitata e ricca di petrolio che ultimamente sta vivendo una massiccia immigrazione di cinesi spinti a nord dalla pressione demografica che affligge il loro paese.
L’ingresso dell’Iran? Non rappresenterebbe un fattore di svolta per la Sco. L’interesse di Russia e Cina è stabilizzare un paese come l’Iran e non lasciarlo pericolosamente isolato nella sua contesa con gli Stati Uniti. Pechino e Mosca non vogliono certo farsi tirare in ballo in una contrapposizione che, al contrario, vogliono disinnescare.
Il vero fattore che rivoluzionerebbe la Sco sarebbe rappresentato invece dall’ingresso dell’India. La Sco diventerebbe così la casa comune dei due giganti del futuro, Cina e India appunto, assumendo quindi un peso enorme. Il suo ingresso sarebbe anche importantissimo in un’ottica di stabilizzazione regionale per la soluzione del conflitto del Kashmir: dato che assieme all’India entrerebbe anche il Pakistan (che Cina e Russia non vogliono lasciare isolato e in balìa di influenze integraliste) queste due potenze nucleari nemiche si troverebbero per la prima volta membri di un’organizzazione comune e, con il patrocinio russo e cinese, potrebbe essere più facile farle dialogare seriamente.
 
Il summit Sco del 5 luglio ad Astan La Sco ha chiesto la smobilitazione delle basi militari Usa in Asia Centrale (Karshi-Khanabad e Termez in Uzbekistan, Manas in Kirghizistan, Kolub in Tagikistan) e ha affermato il rifiuto di un ordine mondiale basato sul “monopolio e dominio” di un paese (gli Usa?) e sull'imposizione di un  modello unico di sviluppo sociale” (implicita critica alle rivoluzioni ‘colorate’?).
Si può leggere in ciò un mutamento della natura della Sco, da struttura di cooperazione regionale a struttura di contrapposizione a Nato e Usa? La Sco è il nuovo Patto di Varsavia? Assolutamente no. La lettura della Sco come alleanza contrapposta alla Nato, come organizzazione antioccidentale è farsesca. Oggi Russia e Cina non solo non hanno la forza per contrapporsi agli Usa e all’occidente, ma soprattutto non hanno alcun interesse a farlo. Sanno benissimo che la presenza militare americana in Asia Centrale rappresenta un argine all’integralismo islamico e che un disimpegno militare americano provocherebbe l’esplosione della regione. A partire dall’Afghanistan. I Russi sanno bene quanto sia difficile mantenere il controllo di quel paese, e sono ben contenti che se la sbrighino gli Usa.
La richiesta di smobilitazione delle basi non va quindi sopravvalutata: è stata solo il frutto dell’insistenza del presidente uzbeco Karimov, in crisi con gli Usa dopo i fatti di Andijan.
Altro discorso vale invece per le rivoluzioni ‘colorate’: su questo fronte sì che Russia e Cina sono preoccupati per le interferenze occidentali e americane nella regione. Mosca e Pechino sono forze conservatrici, nel senso che vogliono difendere lo status quo e i regimi amici esistenti, ed evitare che essi vengano sostituiti da altri regimi (non da democrazie, come si vuol far credere) funzionali agli interessi occidentali.
 
Ministri degli Esteri della ScoLa Dichiarazione di Astana ha recepito il concetto di Hu Jintao della ‘lotta ai tre demoni’: terrorismo, separatismo ed estremismo. Secondo molti commentatori questo serve a giustificare una politica di ‘mano libera’ in diversi contesti: dalla guerra russa in Cecenia, alla persecuzione cinese dei musulmani uiguri dello  Xin Jiang, alla repressione dei movimenti di opposizione interni, assimilati a movimenti terroristici come nel caso di Andijan. Cosa ne pensa?
L’aspetto della lotta al terrorismo nel quadro della Sco è assolutamente velleitario. Solo le forze armate di Mosca hanno la potenzialità per svolgere questo ruolo data la presenza di basi militari russe in tutti i paesi dell’Asia Centrale. E Pechino è ben contenta di lasciare a Mosca il ‘lavoro sporco’, il ruolo di gendarme regionale. Anche se nei fatti anche la Russia si dimostra incapace di fronteggiare situazioni di crisi, come dimostra la Cecenia, dove Mosca continua a essere impantanata in una guerra che dura ormai da dieci anni, senza un’apparente via d’uscita.
La stessa Regional Antiterrorist Structure (Rats), che dovrebbe essere la forza di intervento antiterrorismo della Sco, è una forza a guida russa.
La Cina, dal canto suo, non è ancora militarmente pronta ad affrontare sfide impegnative, nemmeno sul suo territorio, dove d’altronde non si intravedono aree di crisi: lo stesso Xin Jiang non costituisce un focolaio di rivolta come spesso viene dipinto, dato che gli uiguri sanno bene che, nonostante tutto, il loro benessere è garantito solo dall’agganciamento allo sviluppo cinese.
E’ invece facile che i regimi centroasiatici usino la lotta al terrorismo come pretesto per reprimere forze d’opposizione interna. Il caso di Andijan lo ha dimostrato. Russia e Cina non hanno mosso critiche all’uso della forza da parte di Karimov, in base al principio della non-interferenza negli affari interni di ogni paese, ribadito non a caso anche nella dichiarazione finale di Astana.
 
Vladimir Putin e Hu JintaoIl summit Sco di Astana è stato preceduto da un vertice bilaterale tra Putin e Hu Jintao. Hanno parlato soprattutto di economia. Secondo molti osservatori il risvolto economico della Sco è altrettanto importante di quello geopolitico, soprattutto tenendo conto della complementarietà tra le economie russa e cinese, la prima ricca di energia ma bisognosa di capitali, la seconda ricca di capitali ma bisognosa di energia. Cosa ne dice?
Al di là delle questioni bilaterali tra Russia e Cina, certamente impostate sullo ‘scambio’ tra capitali cinesi ed energia russa, la forza finanziaria cinese rappresenta uno dei due pilastri su cui si regge tutta l’architettura della Sco: un pilastro è la presenza militare russa nella regione e l’altro è appunto la ricchezza cinese, il suo enorme potenziale di investimento, indispensabile allo sviluppo delle economie dell’Asia Centrale e quindi alla stabilizzazione della regione. La Sco è questo: sicurezza militare garantita dalla Russia più sicurezza economica garantita dalla Cina.

Enrico Piovesana

Articoli correlati:
13/07/2005 Andijan: forse 4.500 morti: Testimonianza anonima di un poliziotto : "I soldati falciavano la gente come si falcia il fieno"
25/06/2005 Dopo la strage, le torture: I sopravvissuti al massacro sono vittime delle persecuzioni del regime uzbeco. Migliaia di arresti
20/06/2005 Rivolte contadine: Scontri e morti nei villaggi della Cina rurale, dove la situazione è sempre più tesa
03/06/2005 Rivoluzione incompiuta: Nuovi scontri di piazza in Kirghizistan, ancora a rischio di guerra civile
18/05/2005 La mattanza di Andijan: Testimonianza: "La mattina dopo la piazza era inondata di sangue e cosparsa di brandelli umani"
16/05/2005 La fratellanza di Akram: Dietro la rivolta di Andijan, un movimento islamico locale che cercava di combattere la povertà
13/05/2005 La cronaca della strage: Manifestanti assaltano il carcere di Andijan. Interviene l'esercito che spara sulla folla
04/05/2005 Sterilizzazione della miseria: Il regime uzbeco sterilizza forzatamente le donne delle campagne
29/04/2005 Pechino trema: Due libri di contro- propaganda minacciano il regime comunista cinese
18/04/2005 L'onda arancione lambisce il Cremlino: Nuovi movimenti studenteschi sfidano il regime di Putin. Che non rimane a guardare
16/04/2005 L'onda arancione arriva in Russia: Dopo Ucraina e Kirghizistan le proteste 'arancioni' arrivano in Russia: in Bashkiria
25/03/2005 Voci da Bishkek: "Akaev era un ladro che ha affamato il suo paese. La gente lo ha sopportato anche troppo"
21/03/2005 La rivoluzione dei bastoni: Kirghizistan: violenta insurrezione dell'opposizione nelle città del sud
22/02/2005 Diario di torture: Ngawang, monaca tibetana arrestata a 13 anni e liberata nel 2002
21/02/2005 Cina perduta: In vista delle Olimpiadi il volto di Pechino cambia e antichi quartieri vengono distrutti
19/02/2005 Effetto arancione: In Kirghizistan si avvicinano le elezioni. Il potere teme un'altra rivoluzione di velluto
09/02/2005 Il grande esodo: Per il Capodanno cinese milioni di migranti tornano nelle campagne d'origine
23/01/2005 Contagio ceceno: La 'cecenizzazione' del Caucaso russo: scene di guerra in Inguscezia e Daghestan
18/01/2005 La morte di Zhao Ziyang: Un ex professore di piazza Tienanmen ricorda il leader che difese i giovani dell'89
23/12/2004 Un anno all’inferno: Il racconto di un dissidente uzbeco imprigionato dal regime di Karimov
20/12/2004 Il libro nero della Cina: Guerini e Associati, 2004
16/11/2004 Troppo difficile essere donne in Cina: Rapite, sfruttate fino alla morte, discriminate dal potere
10/11/2004 Musulmani in Cina: Repressione, scontri, ma anche convivenza pacifica. Vita di una minoranza
04/11/2004 Tibet perduto: La cancellazione di una cultura millenaria. Parla Stefano Dallari
20/10/2004 La grande mela d'Asia: Palazzi nuovi, investimenti stranieri, petrodollari e miseria
04/08/2004 Torture cinesi: Cinque anni fa ha avuto inizio una delle più brutali persecuzioni degli ultimi anni
30/03/2004 Fronte uzbeco: Terroristi islamici all'attacco anche in Asia centrale
21/02/2004 Nessuna pietà: Il regime del dittatore uzbeco Islam Karimov le ha torturato e ucciso il figlio
30/12/2003 Islamistan: la storia della Valle di Fergana, da culla del sufismo a roccaforte dell'integralismo islamico
23/12/2003 Shanghai, da dove cambia la Cina: Molti considerano la Cina un Paese comunista. In realtà non lo è più
12/12/2003 Xinjiang, il far west cinese: Un reportage sull’estremo occidente cinese abitato dagli Uyguri
11/12/2003 Pechino in silenzio cancella l'islam: Continuano le repressioni contro la popolazione Uygur nell'ovest cinese
28/11/2003 Internet sfugge alla censura: Arginare la Rete è un’impresa difficile anche per le autorità di Pechino
29/10/2003 Venti di guerra fredda: Base militare russa aperta in Kirghizistan, a poca distanza da una base Usa
Gli argomenti più discussi: Le parole chiave più ricorrenti:
creditschi siamoscrivicicollaborasostienicipubblicità