06/07/2005versione stampabilestampainvia paginainvia



Intervista a Kasparov, il grande scacchista che oggi gioca la sua partita contro Putin
scritto per noi da
Igor D’India
*
 
Kasparov a Belsan (Foto di Igor D'India)Torna ad affollarsi la piazza davanti alla Casa della Cultura di Beslan, che dieci mesi fa era stata allestita come centro di accoglienza per i parenti degli ostaggi rinchiusi nella palestra della scuola numero 1, in attesa di notizie dei propri cari. Questa volta ad attirare l’attenzione è la visita del campione del mondo di scacchi Garry Kasparov, ora noto anche per il suo impegno politico: all'inizio di quest'anno ha abbandonato la carriera scacchistica per candidarsi alle elezioni presidenziali russe del 2008 contro Putin, e a tale scopo ha fondato il comitato "2008: Libera Scelta".
A mezzogiorno in punto Kasparov arriva davanti al teatro, circondato dai quattro uomini della scorta e dai membri del suo staff, per incontrare la gente di Beslan e poterne raccogliere le testimonianze e le richieste.
 
Un provocatore assale una madre (Foto di Igor D'India)L’assalto dei provocatori. Nonostante i numerosi sostenitori, madri e parenti delle vittime dell’attentato, simpatizzanti o semplici ammiratori, alcuni robusti provocatori (successivamente indicati da Kasparov come “teppisti organizzati dalle autorità russe”, ndr) bloccano la strada allo scacchista gridando: “Ma tu dov’eri quando i nostri bambini morivano?”, subito azzittiti da altre voci che si alzano dal pubblico: “Perché, Putin dov’era?”. Nasce una colluttazione tra alcune madri che cercano un dialogo con i contestatori e i violenti, che vengono momentaneamente isolati.
Dopo pochi minuti, quando sembra che il comizio si sarebbe svolto tranquillamente, ecco piombare sassi sulla tettoia di plastica blu all’ingresso del teatro, seguiti da spruzzi di ketchup e dal lancio di uova che colpiscono alcuni spettatori, ma non Kasparov che viene allontanato. Per alcuni momenti si scatena il panico, una signora anziana viene spinta e calpestata dalla folla, la gente urla spaventata, inseguita da brutti ricordi.
Alla reazione della folla, lo sparuto gruppo di teppisti si dilegua e lascia proseguire la manifestazione.
 
Kasparov parla con la gente di Beslan (Foto di Igor D'India)Kasparov parla con la gente. Parte quindi il corteo che arriva fino alla palestra della scuola in cui sono morte più di trecento persone. Il campione, visibilmente scosso, depone l’ennesima corona di fiori in memoria delle vittime. Il silenzio è rotto solo dal pianto di alcune donne che rende ancora più drammatico il momento.
Poi, nel cortile antistante la gente si stringe intorno a lui. “Ci scusiamo per quello che è successo”, dice Susanna Dudaieva del Comitato delle Madri di Beslan. “Siamo contenti della sua visita, siamo qui per ascoltarla. Ormai viviamo nel terrore e temiamo di non poter garantire un futuro sereno ai nostri figli, chi è al potere si è dimenticato di noi? Perché non ci aiutano? Vogliamo solo essere protetti! Siamo sicuri che lei può portare il nostro messaggio al presidente”.
“E’ quello che farò”, risponde rispettoso Kasparov. “Questa strage è il segnale che dopo Nord-Ost il terrorismo era tutt’altro che sconfitto, per nulla ostacolato dalla politica di Putin. Io andrò a parlare di voi al potere, ma il potere certamente non vorrà ascoltarmi”.
“Noi aspettiamo qui Putin! Perché non vuole venire?”, si chiede dice una donna con le lacrime agli occhi.
“Non pensate che qualcuno verrà qui da voi”, ribadisce Kasparov. “Il potere ha paura soprattutto del vostro dolore. Ecco perché, se volete, è il momento di cambiare. L’unica soluzione è rimuovere il problema alla radice, o Beslan si ripeterà ancora”.
  

Intervista a Kasparov

  
Kasparov nella palestra di Beslan (Foto di Igor D'India)Come può descrivere l’attuale situazione politica del suo paese?
La situazione politica in Russia sta decisamente peggiorando. E’ ora che i leader di tutto il mondo prestino attenzione alle azioni del presidente Putin, il quale sta caparbiamente smantellando le istituzioni democratiche del mio paese. Ogni sua azione in questi sei anni al potere è stata chiaramente indirizzata a costruire le basi di un regime di potere personale, liquidando le elezioni e le altre libertà democratiche dalla mappa della politica russa”.
  
Secondo lei la Russia di oggi è una democrazia?
La democrazia si basa su un certo numero di pietre angolari, di cui fanno sicuramente parte le libere elezioni e la libertà di stampa, che ha praticamente cessato di esistere in Russia, tribunali indipendenti e processi imparziali, anch’essi assenti nella Russia di Putin. Un’altra libertà ormai calpestata nel mio paese è quella di dissentire pubblicamente, di manifestare in piazza: le ultime direttive emanate dal Ministero degli Interni non fanno alcuna distinzione fra terroristi e pacifici dimostranti. Il Ministero degli Interni, l’Fsb (i servizi segreti, ndr) e le altre strutture di pubblica sicurezza stanno ricevendo sempre più poteri dal Cremlino, tanto che la Russia di oggi sembra sempre più uno Stato di polizia in cui non c’è più posto per le libertà democratiche”.
 
Kasparov nel cortile della scuola (Foto di Igor D'India)Quali solo i maggiori errori che lei imputa alla presidenza Putin?
Sarebbe troppo lungo elencare tutti gli sbagli commessi del regime di Putin e tutte le sue azioni incostituzionali. La ‘verticale del potere’ che ha costruito in pochi anni sta facendo a pezzi le libertà delle regioni russe, sta distruggendo la resistenza della Federazione minacciando l’integrità del nostro paese. La situazione nel nord del Caucaso, specialmente la guerra in Cecenia, è un altro chiaro indicatore del fallimento totale di Putin.
  
Cosa pensa della politica antiterrorismo di Putin?
Nel 1999, quando è salito al potere, Putin aveva affermato che la lotta al terrorismo sarebbe stata la sua priorità numero uno. Oggi, dopo sei anni, possiamo affermare che non solo non ha raggiunto questo obiettivo, ma non ha nemmeno potuto impedire che il terrorismo si espandesse in tutte le repubbliche del Caucaso del nord. E se nel 1999 la Russia si trovava a fronteggiare solo i separatisti ceceni, oggi dobbiamo combattere contro diversi gruppi di integralisti islamici caucasici, che sono di gran lunga più pericolosi per la Russia e per il resto del mondo.
  
Come giudica la politica caucasica del Cremlino?
Questi pochi giorni trascorsi nel Caucaso ci hanno dimostrato che la Russia deve riconsiderare la propria politica in questa zona, e trovare una via per la cooperazione con le élite locali ancora favorevoli alla Russia. Questa è la sola forza che potrebbe opporsi al potere crescente degli integralisti islamici. Ma sfortunatamente la scelta di Putin nel nord del Caucaso è completamente opposta: continua a sostenere i suoi corrotti rappresentanti locali, che dimostrano la loro fedeltà a Mosca e a lui personalmente, ma mancano completamente dell’autorità per controllare la situazione nelle loro repubbliche. Questi capi locali, che si appoggiano a Putin e al Cremlino, stanno fomentando sempre più la rabbia della popolazione locale, e questo crescente senso d’insoddisfazione contribuisce ad aiutare gli integralisti islamici a reclutare nuovi volontari in tutta la regione.
 
Categoria: Diritti, Guerra, Politica
Luogo: Russia
Articoli correlati:
05/12/2003 Strage sul treno: A due giorni dalle elezioni russe, esplosione su un treno vicino al confine ceceno
30/05/2005 Jihad daghestana: La guerra in Cecenia ha ormai contagiato il vicino Daghestan
19/05/2005 Il popolo delle montagne: Il 21 maggio è l'anniversario di un genocidio dimenticato: quello dei circassi
18/04/2005 L'onda arancione lambisce il Cremlino: Nuovi movimenti studenteschi sfidano il regime di Putin. Che non rimane a guardare
16/04/2005 L'onda arancione arriva in Russia: Dopo Ucraina e Kirghizistan le proteste 'arancioni' arrivano in Russia: in Bashkiria
14/04/2005 'Hanno ucciso la pace': Intervista al fondatore di Memorial e alla presidente delle madri dei soldati russi
12/04/2005 Controsequestro: Centinaia di civili ceceni tenuti in ostaggio dai russi nei giorni di Beslan
23/01/2005 Contagio ceceno: La 'cecenizzazione' del Caucaso russo: scene di guerra in Inguscezia e Daghestan
21/01/2005 Il Michael Moore russo: Intervista a Andrei Nekrasov: "La democrazia da noi non ha futuro"
20/01/2005 Tutto un altro film: I lati oscuri degli attentati moscoviti del settembre '99 nel Fahrenheit 9/11 russo
10/01/2005 Il signore degli scacchi: Nell'unico Stato buddista d'Occidente la gente fa la fame e il presidente gioca a scacchi
31/12/2004 Oltre la fortezza: Dal diario di viaggio della carovana pacifista Torino-Beslan
25/11/2004 Come se nulla fosse: Oggi summit tra Ue e Russia. L'indifferenza europea verso i crimini ceceni di Putin
23/11/2004 Come ai tempi dell'Urss: Nessuna libertà di stampa in Russia, Cecenia, Asia centrale e Caucaso. Poca in Afghanistan
05/11/2004 Vivere nell’incubo: Sequestri, torture, esecuzioni. Ecco cosa succede ogni giorno in Cecenia
26/10/2004 'Fuoco amico': Comincia ad emergere la verità, sconcertante, sulla strage degli innocenti di Beslan
23/10/2004 Diplomazia popolare: Le madri dei soldati russi hanno chiesto ai leader ceceni di aprire un negoziato
04/10/2004 Beslan, l’altra verità: Intervista a Umar Khanbiev: "I terroristi di Beslan agivano su ordine del Cremlino"
17/09/2004 Ritorno al passato: Dopo Beslan, Putin adotta una politica autoritaria, centralistica e aggressiva
16/09/2004 Odio e menzogna: Esplode l'odio verso ingusceti e ceceni, alimentato dalla propaganda del Cremlino
07/09/2004 Beslan: la parola ai ceceni: L'indipendentista Maskhadov condanna il terrorismo prendendo le distanze da Basayev
03/09/2004 Massacro e censura: Blitz: centinaia di morti. Incarcerati e avvelenati due 'scomodi' giornalisti russi
02/09/2004 Il giardino dei giusti: Una giornata davanti alla scuola assediata di Beslan. Le voci dei genitori disperati
01/09/2004 Il talebano delle montagne russe: La storia di Ruslan Odizhev, ex talebano
01/09/2004 Scuola di guerra: Terroristi sequestrano centinaia di bambini in una scuola della Russia meridionale
29/06/2004 Predatori: Inguscezia: dopo la battaglia, il terrore russo
23/06/2004 Inguscezia: è guerra: La guerriglia cecena sconfina in Inguscezia attaccando la capitale
13/02/2004 Russia nera: Sempre più preoccupante la diffusione del neonazismo. Non solo tra i giovani disoccupati
07/02/2004 Sulla pelle dei russi: Terrorismo ceceno o terrore di Stato? Uno sguardo al passato per capire il presente
22/12/2003 Guerra tra le nevi: Il gelo e le bufere non fermano la caccia dell’esercito russo ai guerriglieri ceceni
17/12/2003 La guerra cecena arriva in Daghestan: Mosca invia 700 soldati e l’aviazione per dare la caccia ai mujaheddin ceceni
16/12/2003 Incursione cecena in Daghestan: La guerriglia islamica torna a colpire fuori dalla Cecenia
09/12/2003 Mosca: ancora una kamikaze: Esplode una bomba nei pressi della Piazza Rossa
Gli argomenti più discussi: Le parole chiave più ricorrenti: