30/09/2011versione stampabilestampainvia paginainvia



Sostanza radioattiva che genera diversi tipi di cancro. A marzo, le prime tracce all'interno dell'impianto

Le autorità giapponesi hanno riferito che tracce di plutonio sono state trovate al di fuori della centrale nucleare di Fukushima, gravemente danneggiata a seguito del terremoto e del conseguente tsunami dello scorso 11 marzo.

La sostanza è stata rilevata in sei siti della prefettura, tra cui il villaggio di Iitate, 45 chilometri a nordovest della centrale nucleare. Nel renderlo noto, il ministero della Scienza nipponico ha osservato che le quantità trovate, "minime e tali da non costituire un pericolo per la salute umana, potrebbero essere legate alla crisi dell' impianto."

I media giapponesi sottolineano che si tratta della prima volta che tracce del pericoloso elemento radioattivo vengono rilevate fuori dall'impianto.

Il plutonio emette particelle alfa che, se inalate, si depositano nelle ossa e nei polmoni della gente producendo diversi tipi di cancro. Alla nocività, si unisce un lunghissimo periodo di dimezzamento (quanto ci mette a perdere radioattività): quello del plutonio-239, una delle varianti del materiale radioattivo, è stimata intorno ai 24mila anni.
A fine marzo, tracce di plutonio erano state trovate all'interno della centrale di Fukushima.