08/07/2011versione stampabilestampainvia paginainvia



La stessa sorte è capitata o capiterà a centinaia di attivisti pacifisti in partenza in questi giorni verso la Palestina

Questa mattina, arrivata all'aeroporto di Roma Fiumicino, Elysa ha visto il suo nome e cognome scritti su un foglio nelle mani di una dipendente dell'Alitalia. La compagnia aerea non ha saputo spiegare perché, ma non le è stato permesso imbarcarsi sull'aereo che avrebbe dovuto portarla a Tel Aviv, tappa obbligata per chiunque, come lei, voglia recarsi nei Territori palestinesi.

La stessa sorte è capitata o capiterà a centinaia di attivisti pacifisti in partenza in questi giorni verso la Palestina. Israele ha stilato un elenco di mille persone "non gradite" sul suo territorio


ASCOLTA LA TESTIMONIANZA

 

(è necessario Adobe Flash Player aggiornato, clicccare sul tasto play per ascoltare)

Cora Ranci

 

Parole chiave: Palestina, Tel Aviv, fermo, italiani
Categoria: Diritti, Storia
Luogo: Israele - Palestina