20/05/2011versione stampabilestampainvia paginainvia



Un nuovo sito internet insegna ai bambini il rispetto delle minoranze e la 'necessità' dell'opposizione politica

Dopo la presentazione, la settimana scorsa, del Fronte popolare di Putin, è il turno di Medvedev. Il presidente russo ha annunciato oggi, nella prima conferenza stampa in tre anni di mandato, la sua intenzione di guidare un movimento diverso rispetto a Russia Unita, qualora dovesse candidarsi alle presidenziali del marzo 2012. "Se correrò per la presidenza, vorrei contare su certe forze politiche, non c'è altra strada", ha dichiarato Medvedev ai giornalisti.

E' forse per preparare la strada alle prossime elezioni (le legislative si terranno a dicembre) - e soprattutto a quelle dei prossimi decenni - che sul sito istituzionale del Cremlino è apparsa ieri la prima pagina dedicata ai bambini, che spiega 'cosa è l'opposizione politica e perché è necessaria'. E' una nuova sezione che ha richiesto otto mesi di lavoro e l'attiva partecipazione di Medvedev, e con linguaggio semplice, facilità di navigazione e interfaccia colorato, presenta prima di tutto il significato della parola opposizione: "E' una parola latina, che significa contrasto, confronto. Immaginate due gruppi di persone che si affrontano e discutono su qualcosa. L'opposizione è il più piccolo di questi gruppi".

Il sito insegna ai bambini, elettori del futuro, che "i cittadini che vogliono vivere in uno Stato democratico dovrebbero imparare a rispettare le opinioni della minoranza, anche se non sono d'accordo". Si spiega che il potere non ha il diritto di chiudere la bocca all'opposizione, e che quelli che non sono d'accordo con la politca dello Stato sono utili alle autorità perché li aiutano a svolgere meglio il loro lavoro. Il sito illustra quali sono le opinioni che violano la legge russa, e quali violano i diritti altrui. Si prende a esempio l'articolo 29 della Costituzione che bandisce la propaganda basata sulla superiorità sociale, razziale, nazionale, religiosa e linguistica.

La Russia è uno dei Paesi dove sono più diffuse le attività discriminatorie e le violenze danno degli stranieri, perseguitati soprattutto su base etnica. Gli omicidi a sfondo razziale sono stati oltre cinquanta nel 2010. Le opposizioni politiche sono stigmatizzate e le loro manifestazioni represse, e il dissenso nei confronti del governo è tollerato a malapena. Da qui l'idea di costruire un sito che possa educare i bambini al rispetto e dare loro l'opportunità di comprendere i diritti delle minoranze.

L'aggiunta della nuova sezione sull'opposizione politica completa un sito di informazione per i più piccoli già attivo dal 2004. Il sito è disponibile a questo indirizzo: http://www.uznai-prezidenta.ru/. Dal suo lancio, è stato visitato da oltre tre milioni di persone.

Luca Galassi

creditschi siamoscrivicicollaborasostienicipubblicità