18/05/2011versione stampabilestampainvia paginainvia



Il Movimento del 15- M chiede "più istruzione e meno polizia". Da Madrid a Granada si diffonde una protesta pacifica trasversale

In piazza in mome della democrazia e dei diritti sociali. Accade in Spagna, dove domenica scorsa è partita un'ondata di proteste e manifestazioni che si sono svolte in contemporanea in una sessantina di città.

Capofila è l'organizzazione che si è ribatezzata Movimiento 15-M, dove la lettera "m" sta per maggio. Un movimento i cui aderenti rivendicano totale autonomia rispetto a qualsiasi partito e chiedono "più istruzione e meno polizia", una maggiore coscienza sociale, rivendicando "il diritto ad indignarsi" davanti "ad una grave crisi economica e politica". A convocare i ragazzi in piazza, domenica scorsa, è stata la piattaforma Democracia Real Ya!, che tuttavia non si è ancora unita al coordinamento: "Noi abbiamo solo dato il via, adesso sono i cittadini che si sono organizzati".

A Madrid i manifestanti hanno occupato la Puerta del Sol, si sono seduti a terra e hanno dichiarato di voler restare lì fino al 22. Manifestazioni anche a Siviglia in Plaza de la Encarnaciòn e al Paseo del Salòn a Granada, dove la polizia è intervenuta, arrestando tre ragazzi tra i 22 e i 34 anni, con l'accusa di resistenza a pubblico ufficiale. Altri incidenti simili però non si sono verificati in nessun'altra località. A Barcellona decine di giovani hanno pacificamente occupato Plaza Catalunya.

La Puerta del Sol rimane l'epicentro della protesta. I 300 occupanti di domenica ieri erano diventati quattromila. Secondo fonti di Peacereporter, oggi la situazione sarebbe tornata quasi alla normalità. Rimane una rappresentanza di manifestanti ma le autorità hanno già dato inizio alla pulizia della piazza, dopo il grande raduno di ieri.

In Spagna domenica si terranno le elezioni municipali. Il Movimiento 15-M ha quindi fatto la sua irruzione nella campagna elettorale e continuerà a far sentire la sua voce. Uno degli slogan è: "Noi non ce ne andiamo. Non abbiamo casa e restiamo in piazza".

 

 

Categoria: Diritti, Elezioni, Politica
Luogo: Spagna