22/04/2011versione stampabilestampainvia paginainvia



Ufficiali dei Marines spiegano al Washington Post come hanno 'conquistato i cuori e le menti' di una trib¨ afgana: "Non li convinci con i progetti e la buona volontÓ. Devi arrivare con due compagnie di Marines e iniziare ad ammazzare gente"

A volte capita che la cruda e brutale realtà della guerra emerga anche tra le righe di servizi giornalistici tutt'altro che pacifisti e antimilitaristi. E' il caso di un articolo pubblicato una settimana fa dal Washington Post, il più prestigioso organo della propaganda militare americana.

Come si capisce dal titolo del pezzo - 'Progressi in tre distretti del sud dell'Afghanistan segnalano un cambiamento' - si tratta del solito entusiastico quanto parziale resoconto dei progressi militari americani sul fronte afgano, con tanto di afgani felici di vedere i propri villaggi rasi al suolo dall'aviazione Usa o ingabbiati da muri in stile israeliano.

La fine dell'articolo, però, riserva un inatteso sprazzo di realismo. Si racconta della tribù pashtun degli Alikozai, che vive nell'alta valle di Sangin, nella provincia di Helmand: area mai sottratta al controllo dei talebani. Nel 2007 il governo afgano e i generali inglesi convincono gli anziani della tribù a scaricare i talebani, ma non li proteggono, così i ribelli sequestrano un vecchio capitribù, lo legano con una corda a un pick-up e lo trascinano via ad alta velocità, uccidendolo.

Da allora gli Alikozai si sono mostrati refrattari alle successive profferte di accordi da parte delle autorità e dei generali inglesi. L'estete scorsa alle truppe di Sua Maestà, che occupavano Sangin da anni, sono subentrati i Marines americani: in autunno sono penetrati nel territorio Alikozai, massacrando centinaia di giovani guerrieri della tribù ''al soldo dei comandanti talebani''.

''Abbiamo iniziato a impilare cadaveri come ciocchi in una legnaia - racconta un anonimo ufficiale dei Marines al Washington Post - fino a quando loro (gli Alikozai, ndr) hanno detto 'Cavolo, qui stiamo rimanendo in pochi' ''. A quel punto i capi tribù hanno accettato un nuovo accordo con il governo, ufficialmente in cambio di promesse di aiuti per la ricostruzione.

''Questi non li convinci con i progetti e la buona volontà - dice un altro ufficiale al Post - devi arrivare davanti alla loro porta di casa con due compagnie di Marines e iniziare ad ammazzare gente: è così che inizi a convincerli''.
Altro che 'conquistare i cuori e le menti'. Viva la sincerità.

Enrico Piovesana

creditschi siamoscrivicicollaborasostienicipubblicitÓ