10/03/2011versione stampabilestampainvia paginainvia



Un provvedimento del presidente Medvedev vieta l'esportazione di qualunque tipo di materiale bellico: armi, munizioni e veicoli

La Russia sospende la vendita di materiale bellico alla Libia, in linea con le sanzioni internazionali contro il regime di Muammar Gheddafi. La decisione è stato annunciata mediante un comunicato emesso in giornata.

Nel provvedimento, firmato dal presidente russo Dimitri Medvedev, si proibisce qualunque esportazione dalla Russia alla Libia di armi e materiale bellico di ogni genere, incluse munizioni, veicoli da combattimento e altre strumentazioni militari.

Una decisione significativa per il Paese che si qualifica come secondo esportatore mondiale di armi e affini, nonché come una delle principali fonti di approvvigionamento bellico per l'esercito del Colonnello.