09/03/2011versione stampabilestampainvia paginainvia



Forze di cielo e di terra fedeli al rais stanno conducendo attacchi contro le aree strategiche del paese occupate dai ribelli

Secondo quanto riferisce la tv araba al-Jazeera, le forze fedeli al colonnello libico Muammar Gheddafi avrebbero lanciato nuovi attacchi aerei contro la citta petrolifera di Ras Lanuf che stanno destando grande preoccupazione perchè, nel caso in cui le bombe colpissero gli impianti gas della città, potrebbero causare una vera e propria carneficina. Un razzo è riuscito a centrare il vicino terminal petrolifero di Es Sider facendone esplodere i serbatoi di stoccaggio: la tv di stato ha prontamente accusato al-Qaeda dell'esplosione mentre le fonti governative hanno incolpato i ribelli. Il bilancio delle vittime è di 2 morti e 17 feriti ma potrebbe aggravarsi nelle prossime ore.

Nel frattempo, le forze di terra del rais stanno riguadagnando terreno attorno ad al-Zawiyah:"Possiamo vedere i carri armati. I tank sono ovunque" afferma uno dei ribelli. Il governo libico fa sapere di avere riconquistato la città costiera di Bin Jawad, vittima anch'essa di un bombardamento dall'alto.

Oggi tre arei privati hanno lasciato Tripoli ed almeno uno di loro è atterrato al Cairo per permettere a un alto funzionario di incontrare il capo della Lega Araba, Amr Moussa.

 

 

Parole chiave: bombe, ribelli, raid, Gheddafi, al-Zawiyah
Categoria: Guerra
Luogo: Libia