21/02/2011versione stampabilestampainvia paginainvia



Yoweri Museveni confermato presidente con il 68 per cento dei voti. Lo sfidante Besigye non riconosce il risultato

Yoweri Museveni vince un'altra volta le elezioni presidenziali in Uganda, e si impone al primo turno sugli altri sei candidati con il 68 per cento delle preferenze. Il suo principale sfidante, Kizza Besigye, si ferma invece al 26 per cento dei voti, e denuncia brogli elettorali durante le votazioni: il partito dominante è accusato di aver utilizzato fondi statali per comprare i voti.

Besigye dunque non riconosce come legittimo il risultato delle elezioni. Ancora prima che questo fosse reso noto, lo sfidante di Museveni aveva minacciato di indire proteste di piazza contro eventuali scorrettezze nelle votazioni. "É già evidente - aveva dichiarato - che si sono verificate frodi elettorali. Il volere del popolo non può liberamente esprimersi in un contesto di corruzione e repressione politica".

Le votazioni sono avvenute in un clima di relativa calma, ma numerosi scontri si sono verificati tra i sostenitori dei diversi candidati alla presidenza. Museveni, da parte sua, si è impegnato a mettere fine ad ogni tipo di protesta. É dal 1996 che l'attuale presidente vince le elezioni, ed è la terza volta in cui prevale sullo sfidante Besigye.