17/02/2011versione stampabilestampainvia paginainvia



Le forze Nato sostengono che le vittime intrattenevano rapporti con i ribelli

Il portavoce dell'amministrazione provinciale di Helmand, Daud Ahmadi, informa che le autorità afgane stanno investigando per chiarire se i quattro civili uccisi durante un raid Nato condotto mercoledì scorso nel distretto di Nawa avessero davvero legami con i militanti.

Le forze Isaf sostengono che i quattro fossero nel mirino dell'intelligence e che uno di loro fornisse armi ed esplosivi alla resistenza. Le vittime sono un uomo di nome Abdul Khalid, due suoi figli e un nipote.

 

Nel distretto di Sangin sono morti un uomo anziano ed una ragazza dopo aver calpestato una mina. Nell'ultimo periodo il numero delle vittime civili afgane è in continuo aumentanto: negli ultimi due mesi un centinaio di persone hanno perso la vita.

Parole chiave: raid, Nato
Categoria: Guerra, Armi
Luogo: Afghanistan