10/02/2011versione stampabilestampainvia paginainvia



Non accennano a sedarsi le proteste antigovernative scoppiate nelle scorse settimane a causa dell'alto tasso di disoccupazione e della crescita esponenziale del prezzo dei beni di consumo

La città di Algeri sarà protagonista di una nuova manifestazione: la protesta è stata organizzata dal Collettivo per la democrazia e il cambiamento e prenderà luogo sabato nonostante il divieto delle autorità.

Il quotidiano Echourouk informa che il governo ha posto un allerta di secondo grado sulla manifestazione, richiamando ben 25 mila agenti, la metà dei quali in tenuta antisommossa, a vigilare le strade della capitale. Gli agenti hanno l'assoluto divieto di sparare sulla folla.

Lo scorso 22 gennaio il Raggruppamento per la cultura e la democrazia aveva denunciato che era stato ostacolato l'accesso alla manifestazione tenutasi in quella data a diverse centinaia di persone.

La Lega algerina per i diritti umani (Laddh) ha riferito che nelle ultime settimane una ventina di individui hanno scelto una forma di protesta più spettacolare e disperata dandosi fuoco in pubblico: tre di loro sono morti. I motivi di tale gesto sono i più disparati e riflettono un clima di tensione sempre crescente.

 

 

Parole chiave: proteste, manifestazioni, suicidio
Categoria: Politica, Popoli
Luogo: Algeria