19/01/2011versione stampabilestampainvia paginainvia



Il 96 per cento degli aventi diritto si sono recati alle urne. Su un totale di 3.93 milioni di elettori, il sì trionfa con 2.19 milioni di preferenze

I risultati non definitivi sulle consultazioni referendarie del Sudan mostra come la stragrande maggioranza dei cittadini della regione meridionale del paese si sia espressa a favore dell'indipendenza.

In base a quanto comunicato dall'agenzia France Press, il 96 per cento dei  3.93 milioni di elettori si è recato alle urne. Secondo i risultati preliminari comunicati dall'Afp, 2.19 milioni di persone hanno votato a favore della secessione, superando di gran lunga la maggioranza necessaria per l'indipendenza, pari a circa 1.9 milioni. I dati forniti da Reuters indicano invece che in sette dei dieci stati di cui è composto il sud Sudan il sì si attesta al di sopra della soglia del 90 per cento.

Intanto, il consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha elogiato il modo in cui si sono svolte le elezioni, ma ha esortato il nord e il sud del Sudan a dirimere pacificamente le controversie che possono innescare nuovi scontri e violenze, come la disputa sulla regione di Abyei.
Infine, i leader delle cinque grandi potenze hanno espresso la propria preoccupazione  sulla questione del Darfur. In particolare, Khartoum teme che la secessione di Juba possa rafforzare le inclinazioni separatiste della regione occidentale sudanese.