29/12/2010versione stampabilestampainvia paginainvia



Nelle prossime settimane i sindacati organizzeranno assemblee in tutte le fabbriche italiane per spiegare la pericolosità dell'accordo

Le tute rosse della Fiom sono pronte alla mobilitazione generale contro l'accordo separato di Mirafiori. Questa mattina il segretario della Fiom Maurizio Landini, nel corso del comitato centrale riunito a corso Italia, ha detto: "E' necessario che questo comitato centrale decida oggi lo sciopero generale di tutti i metalmeccanici, di 8 ore, per il 28 gennaio, con manifestazioni regionali".


Nelle prossime settimane i sindacati organizzeranno assemblee in tutte le fabbriche italiane per spiegare la pericolosità dell'accordo. La riunione è ancora in corso e si concluderà alle 17. In discussione l'atteggiamento che la Fiom dovrà mantenere nei confronti delle altre sigle sindacali - Fim e Uilm - che hanno firmato l'accordo e gli argini da porre per evitare il contagio della strategia Marchionne nelle altre aziende.

Nei prossimi giorni si svolgerà il direttivo della Cgil, dove Landini chiederà l'adesione alla protesta da parte di tutte le categorie sindacali.

Parole chiave: Mirafiori, fiom, sciopero
Categoria: Diritti, Economia
Luogo: Italia