14/12/2010versione stampabilestampainvia paginainvia



Se verrà confermata la rottura con la Ldk, però, appare difficile formare una coalizione di governo

Il Partito Democratico del Kosovo (Pdk), guidato dal suo leader Hashim Thaci, ha vinto le prime elezioni politiche in Kosovo dopo l'indipendenza dell'ex provincia serba a maggioranza albanese dopo l'indipendenza del 2008.

Lo ha reso noto la commissione elettorale centrale, che nella serata di ieri ha concluso lo spoglio delle schede delle operazioni di voto di domenica 12 dicembre. I risultati non vanno ancora considerati definitivi, in quanto la commissione ha annunciato di aver ricevuto molti reclami e ricorsi per presunti brogli. Per ora, però, la lista di Thaci ha ottenuto il 33,5 percento dei voti.

Al secondo posto la Lega Democratica del Kosovo (Ldk), ex alleati di Tachi, con il 23,6 percento delle preferenze. Il movimento nazionalista Vetevendosjie, guidata da Albin Kurti, si è piazzato al terzo posto con il 12,2 percento delle preferenze.

Solo altri due partiti hanno superato lo sbarramento del 5 percento che permette l'ingresso al Parlamento: l'Alleanza per il Futuro del Kosovo (Aak) guidata dall'ex premier Ramush Haradinaj, attualmente sotto processo all'Aja per crimini di guerra, che ha ottenuto il 10 percento dei voti, mentre il 7,1 percento delle preferenze è andato alla lista del miliardario Behgjeti Pacolli, l'Alleanza Nuovo Kosovo.

Thaci esclude una nuova alleanza con la Ldk e se le dichiarazioni pre elettorali venissero confermate, risulterebbe molto complesso comporre un esecutivo stabile. Interessante, in questo senso, l'apporto della minoranza serba che al sud ha partecipato in massa, mentre il nord ha boicottato il voto.

Categoria: Elezioni, Politica
Luogo: Kosovo