13/12/2010versione stampabilestampainvia paginainvia



Si tratta dell'ennesimo scontro che avviene a Mogadiscio tra le truppe del governo di transizione e i ribelli di Shabaab

Le truppe del Governo di transizione somalo, supportate dai soldati Amisom dell'Unione africana si sono scontrare ieri con i ribelli di Shabaab. Gli scontri si sono verificati nel distretto meridionale di Hodan e sono iniziati quando gli integralisti legati ad al Qaeda hanno attaccato una base di caschi verdi. Il bilancio degli scontri è pesante: nove morti e una decina di feriti.
Ali Muse Sheikhm, capo dei servizi di ambulanza, ha riferito di aver visto i corpi senza vita di almeno cinque persone e di aver ricoverato nel suo ospedale altri otto feriti. Un altro testimone ha fatto sapere che altre tre persone sono morte per lo scoppio di un colpo di mortaio nel suo villaggio.

Dal 2007 il Governo federale di transizione (Tfg), appoggiato dai Paesi occidentali e dal contingente militare inviato dall'Unione africana, la missione Amisom, combatte una guerra civile contro i principali gruppi delle milizie islamiche armate. Al Shabaab è il gruppo più importante, alleato con quello di Hizbul Islam.
A cavallo tra due distretti di Mogadiscio, quello di Hawl Wadag e quello di Hodan, si trova il mercato di Bakaara, quotidiano teatro di violenti scontri tra i miliziani islamici, i soldati governativi e quelli dell'Amisom. Vicino al confine occidentale del distretto di Hodan si trovano alcune importanti basi sia dei soldati del Tfg che delle forze di peacekeeping dell'Unione africana.

Parole chiave: Somalia, attacco ribelli
Categoria: Popoli
Luogo: Somalia