09/12/2010versione stampabilestampainvia paginainvia



L'ammiraglio Mike Mullen, capo di Stato maggiore interforze Usa, ha definito oggi "urgenza reale" il rafforzamento dei legami militari con Corea del Sud e Giappone, in funzione di deterrenza contro la Corea del Nord

L'ammiraglio Mike Mullen, capo di Stato maggiore interforze Usa, ha definito oggi "urgenza reale" il rafforzamento dei legami militari con Corea del Sud e Giappone, in funzione di deterrenza contro la Corea del Nord. A Tokyo per la seconda tappa dopo Seul di una missione lampo con gli alleati dell'Estremo Oriente, Mullen ha ribadito la speranza che il Giappone possa unirsi alle manovre militari Washington-Seul per il ripristino della stabilità e della sicurezza nella regione dopo il bombardamento dell'isola sudcoreana di Yeonpyeong da parte dell'artiglieria del Nord. "Dobbiamo affrontare la situazione della penisola coreana tutti insieme per dimostrare la nostra forza e scoraggiare le azioni della Corea del Nord", ha aggiunto ancora nel corso della conferenza stampa presso l'ambasciata americana. Secondo Mullen, il pericolo che viene dalla Corea del Nord è in aumento e "deve essere subito fermato". La Cina, a questo proposito, deve premere di più su Pyongyang per scoraggiare «comportamenti sconsiderati». "In realtà, credo che le provocazioni di Pyongyang andranno avanti e a intervalli più frequenti: il pericolo sta salendo e devono essere adottati provvedimenti perchè siano fermate", ha concluso Mullen.

Categoria: Guerra
Luogo: Stati Uniti