18/11/2010versione stampabilestampainvia paginainvia



Tra loro uno degli organizzatori del controvertice

Stavano andando in Portogallo per partecipare alle proteste organizzate in occasione del vertice Nato che si sta per tenere nella capitale portoghese da domani a domenica. Ma sono stati bloccati al confine.

Lo hanno denunciato i portavoce del Coordinamento Internazionale anti-Nato (Icc), che precisano che fra i trattenuti alla frontiera c'è il giurista tedesco Lucas Wirl, uno degli organizzatori del controvertice. Wirl è stato fermato in aeroporto a Lisbona e costretto a ripartire.

Stessa sorte è toccata a 39 pacifisti finlandesi bloccati in autobus fra Spagna e Portogallo e un appartenente al movimento antimilitarista Moc. La deroga al trattato di Schengen è stata disposta da martedì. Mai prima d'ora il Portogallo aveva disposto tali misure protettive. Secondo il portavoce di Icc tali misure "non hanno base legale".

Intanto continua ad organizzarsi la protesta interna: i movimenti pacifisti e alternativi hanno annunciato una partecipazione di oltre centomila alla grande manifestazione che sfilerà per le vie di Lisbona. Gli organizzatori hanno assicurato l'andamento pacifico delle manifestazioni. "La polizia non è il nostro nemico" ha detto Andres Speck di War Resisters International.

Parole chiave: vertice nato, contro-vertice, frontiera, schengen
Categoria: Pace, Muri
Luogo: Portogallo