22/10/2010versione stampabilestampainvia paginainvia



Ma l'uso della forza ha prodotto "conseguenze inaspettate". Agli Usa il compito di "guidare l'intero mondo libero"

Durante un tour in alcune università statunitensi, il Dalai Lama avrebbe dichiarato che "l'America deve guidare l'intero mondo libero" e che gli sforzi Usa per "portare la democrazia ed eliminare le dittature" con le invasioni di Iraq e Afghanistan, sono "buoni".
Tuttavia - avrebbe aggiunto il leader del buddhismo tibetano - "ci sono state conseguenze inattese" dovute all'uso della forza invece che al "dialogo".
Lo riporta Fox News, network statunitense filo-conservatore.

Le dichiarazioni attribuite alla massima autorità del lamaismo sarebbero state fatte alla Southern Ohio University e alla Miami University, istituti che gli hanno conferito riconoscimenti accademici.
Un anno fa, durante una visita a Galgary, Canada, il Dalai Lama aveva definito l'ex presidente Usa, George Bush, "una persona molto simpatica che ha cominciato il conflitto in Iraq con le migliori intenzioni".
Anche in quel caso aveva però aggiunto: "Ma il metodo è violento e quindi si verificano conseguenze inattese".

Parole chiave: dalai lama, afghanistan, iraq, violenza
Categoria: Guerra, Politica, Religione
Luogo: Stati Uniti
Articoli correlati:
20/10/2010 Cina, attivisti chiedono l'insegnamento del tibetano nelle scuole: Almeno cinquemila giovani hanno protestato, senza incidenti, in Tibet
05/10/2010 Nepal, polizia blocca le elezioni del governo tibetano in esilio: Confiscate migliaia di schede elettorali per l'elezione del Primo ministro e dei memrbi del Parlamento tibetano
06/07/2010 Nepal, la polizia impedisce manifestazioni per il compleanno del Dalai Lama: Il governo nepalese blocca le cerimonie pubbliche dei buddisti nel giorno dell'anniversario della nascita del Dalai Lama
10/03/2010 Tibet, tensione e repressione: Si preparano manifestazioni per l'anniversario delle rivolte del 1959 e del 2008 e le autorità cinesi lanciano una nuova "campagna per la sicurezza"
01/03/2010 Cina, il governo sceglie il probabile ''antagonista'' del Dalai Lama: Pechino conta di influire così sulla scelta del prossimo capo del buddhismo e sul futuro del Tibet
19/02/2010 Incontro Obama-Dalai Lama, vibrate proteste da Pechino: I cinesi presentano 'protesta solenne' all'ambasciatore Usa
La scheda paese: Gli argomenti più discussi: Le parole chiave più ricorrenti: