21/10/2010versione stampabilestampainvia paginainvia



DurerÓ fino a domenica, Ŕ alla sua quarta edizione

Si è aperto a Madrid il IV Congresso Internazionale delle Femministe Islamiche, durerà fino a domenica.

Il congresso, organizzato dalla Giunta islamica di Catalogna e dall'Unione di Donne musulmane di Spagna (Umme), oltre a spingere per alcuni cambiamenti come la posizione della donna nella società e il diritto all'educazione, intende smentire il pregiudizio secondo cui l'Islam sarebbe strutturalmente contrario all'emancipazione della donna.

Femminismo e Islam non sono contrastanti. Lo ha scoperto Marie Laure Rodriguez, presidentessa della Umme, mentre lavorava alla sua tesi sull'oppressione della donna nell'Islam:"Non solo non trovai nessun testo discriminante nel Corano, ma scoprii che anticipava il tema dell'uguaglianza fra i sessi. E decisi di convertirmi all'islam."

Al congresso è presente anche Zahira Kamal, ex ministro della donna in Palestina. Kamal fa notare come i media contribuiscano a nutrire il pregiudizio della donna islamica oppressa, presentando solo i casi negativi in cui sono gli oppressori a strumentalizzare l'Islam e ad usarlo per giustificare atti come l'infibulazione e la lapidazione, e finiscano così per presentare la donna islamica come "vittima sistematica".

Parole chiave: femminismo, islam, madrid
Categoria: Diritti, Donne, Religione
Luogo: Spagna