14/10/2010versione stampabilestampainvia paginainvia



Uno studio dell'Università di Lipsia preoccupa i turco-tedeschi

Uno studio condotto dall'Università di Lipsia rivela la crescente xenofobia anti-islamica fra la classe media tedesca. 
Lo studio, intitolato "Estremismo di destra in Germania 2010" evidenzia come, a differenza che in passato, i tedeschi siano meno restii a tenere per sé i propri atteggiamenti xenofobi. 
I risultati della ricerca hanno suscitato la preoccupazione della nutrita comunità turca presente nel Paese. Ci sarebbe un nuovo razzismo "dei colletti bianchi" che poco ha a che fare con quello di stampo neo-nazista, e che si infiltra come senso comune.

Gli intervistati sono stati chiamati a esprimere la propria opinione su dichiarazioni come "Quando c'è carenza di lavoro, gli stranieri dovrebbero essere mandati a casa", affermazione sottoscritta dal 32% del totale degli intervistati. 
Queste rivelazioni richiamano un altro fatto recente: la pubblicazione di un libro da parte del membro del consiglio della banca centrale Thilo Sarrazin, nel quale teorizza che la presenza degli immigrati islamici diminuisce l'intelligenza media del Paese.

Parole chiave: Germania, xenofobia, anti-islamismo, Sarrazin
Categoria: Migranti, Muri, Popoli
Luogo: Germania