30/09/2010versione stampabilestampainvia paginainvia



Fucilazione nella valle di Swat, filmato ritenuto credibile da fonti Usa. E' polemica

Un video comparso su Internet, che mostra soldati pachistani che fucilano sei uomini in abiti civili, solleva polemiche sulle esecuzioni sommarie compiute dall'esercito di Islamabad con la copertura Usa.
Il filmato, apparso sulla pagina di Facebook del gruppo "Associazione Internazionale dei Pashtun" e ripreso dal New York Times, mostra sei uomini, legati e bendati, che vengono allineati lungo un muro, fucilati e poi finiti dagli uomini in uniforme.
L'esercito pachistano dichiara che si tratta di un video propagandistico confezionato ad arte dia militanti islamici. Fonti militari Usa rimaste anonime ritengono invece che potrebbe essere vero.

Il filmato si aggiunge alle testimonianze che giungono dal Pakistan, secondo cui militari di Islamabad compierebbero esecuzioni sommarie di civili e torture nelle aree tribali riconquistate ai talebani.
Il video sembrerebbe girato nella valle di Swat, dove l'esercito ha scatenato un'offensiva l'anno scorso, finanziata in buona parte dagli Stati Uniti. Dal 2001, oltre 10 miliardi di dollari sono stati versati da Washington nelle casse dei militari pachistani.

Il video dura cinque minuti. I soldati parlano urdu, la lingua utilizzata nell'esercito, e si rivolgono al proprio comandante - un uomo barbuto con i capelli rasati - con l'appellativo "Sahib", non comune tra i jihadisti. Utilizzano inoltre fucili G-3 in dotazione ai militari di Islamabad. Prima dell'esecuzione, un soldato chiede al comandante: "Uno alla volta o insieme?". "Insieme", è la risposta.

Categoria: Diritti, Guerra, Tortura
Luogo: Pakistan