06/05/2005versione stampabilestampainvia paginainvia



Due concetti dibattuti. Il vero significato: guerra e profitto
scritto per noi da
Matteo Colombi
 
Il segretario alla Difesa Donald Rumsfeld è uno dei neocon dell'amministrazione BushTra il 6 e il 7 Maggio all’Olin Center di Chicago si terrà una conferenza il cui tema è: Impero e Libertà. Presenti i neocon William Kristol e Deepak Lal. La conferenza promette di analizzare Atene, Roma e la Gran Bretagna, per arrivare a chiedere se l’America sia un impero, se ciò sia un bene per gli Usa, per gli americani come popolo, e se sia un bene per il resto del mondo. Il tema della conferenza è il rapporto tra impero, libertà e giustizia (intesa come ‘rule of law’, la centralità della legge, e come ‘right to rule’, il diritto legittimo al comando). La sequenza storica ricalca la mitica genealogia dell’aristocrazia britannica del diciannovesimo e ventesimo secolo: l’impero come civiltà progressista e l’espansionismo come forma di civilizzazione, di crescita morale.
 
I concetti di libertà e giustizia dei neocon sono circoscritti e utilizzati infatti come lo furono dagli antichi romani e greci, e dagli schiavisti della Virginia che ebbero tanta parte nello scrivere la Costituzione americana, e ai quali tanto piaceva attegiarsi a novelli cives di una repubblica per pochi. Non bisogna stupirsi che il libero commercio, la libera impresa siano considerate da Deepak Lal come importanti benefici che il mondo gode grazie alle sucessive egemonie britannica e americana. I neocon sono liberali nel senso ottocentesco del termine: essi sono i cantori delle libertà dei possidenti, e teorizzano una utopia politica in cui lo stato si fa protettore e portatore dei loro interessi. Nel mondo e in casa. La concezione possessiva della persona, la libertà liberale, non viene gettata nel calderone della storia umana per decomporre le catene ed emancipare, ma per prendere e razziare, per legittimare l’autonomia di chi possiede rispetto ai bisogni di chi è posseduto, e al contempo difendersi dai suprusi delle vecchie aristocrazie terriere, dei re bisognosi di danaro, nonché per limitare i doveri paternalistici ereditati da antici ordinamenti. E’ una libertà sugli altri e dagli altri; è la libertà di chi è padrone.
 
John M. OlinI neocon sono gli unici nel panorama americano di centro-destra a porre in maniera esplicita, a livello discorsivo, il tema imperiale, designandolo come destino e dovere degli Stati Uniti. Rompono il tabù che calò con gli anni Quaranta sull’autodesignazione imperiale. Soprattutto credono che il passaggio della missione imperiale da tabù a ideologia esplicita della potenza americana nel mondo possa portare a un salto qualitativo. Questo è malvisto dai realisti e dai liberal tradizionali che preferiscono parlare di interesse nazionale e potenza al servizio della difesa del Paese, o di cooperazione multilaterale e benefica guidata dall’interesse economico. Gli uni e gli altri sono altrettanto imperialisti. Tuttavia gli obiettivi (e non i metodi) sono in contrasto parziale. I neocon temono che senza una missione imperiale più ideologicamente esplicita l’impero si riveli fragile ed ondivago: non basta la subordinazione altrui ottenuta tramite ricatti, scambi di benefici e minaccie. Inoltre, i neocon sono ormai legati a strategie reazionarie sulla politica economica interna che li separano nettamente dai centristi imperiali che dominano il partito democratico: vogliono un nuovo ordine anche all’interno del paese, che divelga quei pochi limiti che esistono al predominio del capitale in America.
 
L’Olin Center è una struttura parallela che finanzia gli eredi del conservatore Strauss all’Università di Chicago; essa stessa riceve fondi dalla John M.Olin Foundation, grande finanziatrice degli intellettuali organici legati alla destra elitaria e mercatista. I soldi della Olin Foundation, creata nel 1953, furono donati da John M. Olin per difendere le ‘libere istituzioni americane’ e la ‘libera impresa’. La fortuna della famiglia Olin fu fatta nella prima guerra mondiale, con la chimica di base per esplosivi e le munizioni per gli Alleati, ovvero con le commesse pubbliche. La Olin continua tuttora a produrre proiettili sotto il marchio Winchester. Come vedete, le collane alla fine, di perle o di piombo, si richiudono sempre su sé stesse. Chi fece gli affari con la Grande Guerra finanzia chi crea argomenti a favore delle guerre di frontiera a venire. Guerra, Profitto, Guerra. Sostituite: Impero, Liberta`, Impero. Ecco la magia del linguaggio umano.
Categoria: Guerra, Politica
Luogo: Stati Uniti
Articoli correlati:
29/04/2005 La guerra come sottofondo: Una giornata tipo davanti alla tv americana: la glorificazione del militarismo
22/04/2005 Militarismo sfrenato: Il nuovo libro di uno scrittore di destra 'convertito' smaschera l'imperialismo
15/04/2005 Tracce d'olio: Rumsfeld va in Iraq, ma non per la democrazia. In gioco c'è il controllo del petrolio
08/04/2005 Monumento all'atomo: A Chicago una statua celebra la fisica nucleare. Ed evoca il disfacimento
01/04/2005 Alice allo specchio: La Banca Mondiale è nelle mani di Wolfowitz. E l'Europa dà il suo assenso
25/03/2005 Il valore della vita: Il paladino del diritto di vivere è lo stesso che giustiziava detenuti in Texas
18/03/2005 Egemonia famelica: Paul Wolfowitz è il candidato Usa alla guida della Banca Mondiale
09/03/2005 Non si ammettono errori: Le regole d'ingaggio dei soldati in Iraq viste dagli Stati Uniti
04/03/2005 La tortura nella tv Usa: Negli Usa le immagini di torture sono all'ordine del giorno, anche nei telefilm
25/02/2005 Hyde Park Corner: A Chicago i teorici imperiali studiano a fianco del ghetto nero
18/02/2005 Chi si rivede: Dean redivivo: il politico contro la guerra a capo del Partito democratico Usa
11/02/2005 Chi paga il conto: I tagli al bilancio Usa finanziano l'impero e colpiscono chi combatte per mantenerlo
04/02/2005 Ansie imperiali: Negli Usa è in voga il dibattito su come mantenere intatta la potenza americana
28/01/2005 L'Anticristo all'Onu: La visione del mondo degli evangelici apocalittici che sostengono Bush
21/01/2005 L'opzione Salvador: Gli Usa creano "squadre della morte" in Iraq. Un'idea già vista
17/12/2004 Babbo Natale e i suoi aiutanti armati: I Marines e la beneficenza natalizia
10/12/2004 Tortura di Stato: Il trattamento dei prigionieri nella guerra al terrorismo: marce le mele, marcio l'albero
04/12/2004 A scuola di jihad: Sotto l'albero di Natale, il nemico in un videogioco
27/11/2004 Cosa c'è da ringraziare: Thanksgiving Day, il giorno in cui gli Usa distolgono gli occhi dal male che fanno
19/11/2004 Il piano Noriega per Cuba: Le mire degli Usa sull'isola per il dopo-Fidel Castro
La scheda paese: Gli argomenti più discussi: Le parole chiave più ricorrenti: