30/06/2010versione stampabilestampainvia paginainvia



Nel 1996 l'azienda distribuì il farmaco Trovan che ha causato la morte di 11 bambini, cecità, malformazioni e paralisi

La Corte suprema nordamericana ha autorizzato il processo contro la Pfizer, azienda responsabile della diffusione del farmaco Trovan in Nigeria durante l'epidemia di meningite nel 1996. Il vaccino ha causato la morte di 11 bambini, la cecità, malformazioni e paralisi. La compagnia farmaceutica nega l'accusa e ha dichiarato che la somministrazione del Trovan ha allungato le speranze di vita dei bambini che l'hanno assunto. L'epidemia di meningite ha ucciso 12 mila bambini nigeriani.

La decisione della Corte suprema contraddice la precedente sentenza federale che impediva lo svolgimento del processo contro la Pfzer. Secondo il nuovo verdetto, la Pfizer non aveva opportunamente spiegato gli effetti collaterali del vaccino. La Corte suprema ha stabilito che le famiglie dei bambini che hanno subito dei danni potranno appellarsi all'Alien Tort Statute. Questa norma consente agli stranieri di chiedere ricompense economiche negli Stati Uniti in casi di violazione del diritto internazionale.

Gli avvocati della Pfizer ritengono che il processo dovrebbe svolgersi in Nigeria e tenteranno di ottenerne lo spostamento. Finora, la compagnia ha pagato 75 milioni di dollari al governo nigeriano come risarcimento per i danni arrecati. Il farmaco Trovan, attualmente, viene somministrato soltanto agli adulti negli Stati Uniti. In Europa è bandito dal 1999 perché ha provocato numerosi casi di insufficienza renale.

Parole chiave: Nigeria, Pfizer, Usa, meningite, vaccino, causa
Categoria: Diritti, Popoli, Salute
Luogo: Stati Uniti