31/05/2010versione stampabilestampainvia paginainvia



Il primo attivista sequestrato oggi sarebbe già stato espulso negli Usa

Vittorio Arrigoni, dell'International Solidarity Movement, da Gaza, fa sapere che anche se non è ancora possibile contattare gli attivisti della Freedom Flotilla assaliti oggi dai corpi speciali israeliani ci sarebbe notizia della prima espulsione.

Si tratta di un attivista statunitense, messo a forza su un aereo in partenza per gli Stati Uniti. Gli altri, dopo l'arrivo delle imbarcazioni sequestrate questa mattina nel porto di Ashdod, sono stati distribuiti nelle carceri della zona. ''Attenzione però", fa sapere Arrigoni, ''ci sono altre due imbarcazioni del Free Gaza Movement in viaggio per Gaza. Una di queste è la Rachel Corrie, il cargo che ricorda la giovane attivista statunitense uccisa da un bulldozer israeliano a Rafah, nel 2003. Non si fermeranno per nessuna ragione al mondo e sono pronti a tutto per arrivare qua''.

 


(è necessario Adobe Flash Player aggiornato, clicccare sul tasto play per ascoltare)
Categoria: Diritti, Guerra
Luogo: Israele - Palestina