06/05/2010versione stampabilestampainvia paginainvia



Grazie a un progetto dell'Unicef i minori sono stati reintegrati nelle famiglie e nelle comunità locali

Grazie ad un'operazione condotta dall'Unicef, a partire dal 2007, 805 bambini soldato ciadiani, impegnati sia nelle forze regolari che nelle file dei ribelli, sono stati smobilitati. A dare l'annuncio è stato l'ufficio di coordinamento degli Affari umanitari dell'Onu (Ocha). In un suo bollettino, l'Ocha precisa che i minori hanno lasciato le armi "nel quadro dell'azione di smobilitazione e di reinserimento nella vita pacifica". L'Unicef continua ad assistere i bambini smobilitati anche nelle fasi successive, per la loro reintegrazione nelle famiglie e nelle comunita' locali. Il 2007 ha registrato oltre la metà delle smobilitazioni, 496. Negli anni 2008 e 2009, sono stati smobilitati rispettivamente 59 e 240 minori.

Parole chiave: Ciad, bambini
Categoria: Bambini, Diritti, Guerra
Luogo: Ciad