22/12/2009versione stampabilestampainvia paginainvia



Commissione indipendente di scienziati italiani pubblica uno studio sulla contaminazione del suolo dopo Piombo Fuso

La tracce della guerra a Gaza, invece di ridursi, crescono. Escono allo scoperto, continuando a segnare la terra e la salute, anche futura, della popolazione. I bombardamenti israeliani del 2006 e del 2009, infatti, avrebbero lasciato sul terreno forti concentrazioni di metalli tossici, tali da poter provocare negli abitanti tumori, problemi di fertilità e gravi effetti sui nuovi nati, come malformazioni e patologie di origine genetica.

E' quanto risulta da uno studio condotto da New Weapons Research Group (Nwrc), una commissione indipendente di scienziati che ha sede in Italia e che studia l'impiego delle armi non convenzionali e i loro effetti di medio periodo sui residenti delle aree in cui vengono utilizzate.
Il gruppo di lavoro del Nwrc ha esaminato 4 crateri di grandi dimensioni: due provocati dai bombardamenti del luglio 2006 (uno nella città di Beit Hanoun e uno nel campo profughi di Jabalia) e due da bombe sganciate nel gennaio 2009 a Tufah, sobborgo di Gaza City.
Inoltre, si è analizzata la polvere residua all'interno del guscio di una bomba al fosforo bianco (THS89D112-003 155mm M825E1*) esplosa vicino all'ospedale di Al Wafa, nel gennaio 2009.
Lo studio ha messo a confronto i livelli di concentrazione dei metalli rilevati nei crateri con quelli indicati in un rapporto sulla presenza di metalli nel suolo di Gaza, realizzato attraverso il campionamento di 170 luoghi, pubblicato nel 2005. Le analisi hanno rilevato anomale concentrazioni nei crateri in particolare di metalli come tungsteno, mercurio, molibdeno, cadmio e cobalto, indicando una contaminazione del suolo che, associata alle precarie condizioni di vita, specie nei campi profughi, espone la popolazione al rischio di venire in contatto con sostanze velenose per via cutanea, respiratoria e attraverso gli alimenti.
"Occorre intervenire subito per limitare le conseguenze della contaminazione su persone, animali e colture - spiega Paola Manduca, portavoce del Nwrg, docente di genetica all'università di Genova - occorrono strategie di sostegno per le persone contaminate. Auspichiamo che le indagini fino ad ora svolte dalla commissione Goldstone, voluta dalle Nazioni unite, vadano oltre l'analisi del rispetto dei diritti umani e prendano in considerazione gli effetti sull'ambiente provocati dall'uso di varie tipologie di bombe e le ricadute sulla popolazione nel tempo. Una rapida raccolta di dati può essere realizzata secondo modalità che molti scienziati possono agevolmente descrivere e programmare".

I crateri esaminati
Tutti i crateri esaminati sono di grandi dimensioni e il campionamento è stato condotto lungo
uno dei lati del pendio di ciascun cratere. Tutti si trovano nella parte nord della Striscia di Gaza.
I campioni dei crateri di Beit Hanoun e Jabalia sono stati raccolti nell'agosto 2006, due settimane
dopo la fine degli attacchi del mese di luglio. Quelli di Tufah sono stati raccolti il 28 gennaio 2009,
e fanno riferimento ai bombardamenti del 14 gennaio.

I dati raccolti nei crateri
I risultati delle analisi con Icp/Ms (una tipologia di spettrometria di massa altamente sensibile e
in grado di determinare diverse sostanze inorganiche) mostrano presenza in quantità superiori alla
media attesa di:

1. Tungsteno e mercurio
Nel cratere di Beit Hanoun sono state rilevate quantità significative di tungsteno (tra 20 e 42 volte il livello medio atteso nel suolo) e quantità elevate di Mercurio (tra 8 e 16 volte il livello  massimo rilevato nello studio del 2003). Gli altri 3 crateri esaminati presentavano livelli simili a  quelli medi del suolo. Entrambi gli elementi, mercurio e tungsteno, sono rari in natura e il loro ritrovamento in uno dei crateri indica che a disperderli nel terreno è stata la deflagrazione della
bomba, che ha diffuso i metalli in un raggio di dimensione sconosciuta che potrebbe avere prodotto la contaminazione delle acque, del suolo e delle colture. Entrambi sono metalli che hanno gravi effetti tossici e cancerogeni sull'uomo a medio-alte concentrazioni. Il mercurio è un agente classificato come cancerogeno; si assume anche per via cutanea, e in gravidanza si trasferisce dalla pelle al feto e provoca fetotossicità negli animali. Il tungsteno e le leghe di tungsteno sono genotossici e sospetti fetotossici. A concentrazioni meno elevate, il tungsteno è causa di patologie respiratorie e neurologiche.

2. Molibdeno
Il molibdeno è un elemento raro nel terreno ed è stato trovato in alte concentrazioni in tutti i crateri esaminati, con livelli compresi tra 0,1 a 12 parti per milione (ppm), vale a dire tra 25 e 3.000 volte il livello medio del suolo (0,004 ppm). Il molibdeno viene usato in leghe con vari metalli (singoli e multipli), alcuni dei quali vengono utilizzati come componenti di armi. Il molibdeno è tossico per gli spermatozoi, a livelli elevati produce effetti sulla spermatogenesi.

3. Cadmio
Il cadmio è un elemento presente normalmente in basse concentrazioni nel suolo di Gaza (0,093
ppm secondo lo studio del 2003). Lo studio ha rilevato una elevata quantità di cadmio (fino a 7,3
volte il livello medio) in uno dei crateri di Tufah. Il cadmio è un noto cancerogeno.

4. Cobalto
Il cobalto è stato trovato in entrambi i crateri di Tufah, in quantità fino a 26,2 ppm, circa 5 volte
superiore a quella normalmente contenuta nel suolo (5,1 ppm). Il cobalto può inibire la riparazione del dna e causarne la rottura, con effetti mutageni.

5. Nichel, manganese, rame e zinco
Nichel, manganese, rame e zinco sono stati trovati in uno dei crateri di Tufah, in quantità due volte più elevate rispetto a quello medio. Alcuni componenti di nichel e manganese sono cancerogeni.

6. Stronzio
Lo stronzio è presente in quantità superiore alla media in tutti i crateri esaminati, ma la sua
concentrazione varia in luoghi diversi e non ci sono dati disponibili di misurazione per il territorio
di Gaza, per cui non è possibile stabilire con certezza se si tratti di una presenza è anomala.

I risultati dell'analisi della bomba al fosforo bianco THS89D112-003 155mm M825E1*
Queste bombe sono costituite principalmente da settori alternati di fosforo bianco e alluminio, un metallo potenzialmente nocivo e fetotossico, ma impiegano anche diversi altri metalli. Gli effetti dei bombardamenti di Gaza, perciò, non dipendono soltanto dal fosforo bianco, ma anche dagli altri metalli nocivi che rimangono sul terreno, contaminandolo. Il gruppo di lavoro di Nwrc ha raccolto e testato, per il contenuto di metalli, il deposito di polvere aderente alla parte interna di una bomba (vedi foto) esplosa il 6 gennaio 2009 nei pressi dell'ospedale di Al Wafa, e i cui resti sono stati raccolti il 28 gennaio sul posto dell'esplosione. La polvere è stata raschiata con un cucchiaio di
plastica, dai lati e dalla parte inferiore della bomba. Le analisi hanno rilevato nella polvere della bomba alluminio in alta quantità, come previsto; ma sono state rilevate anche grandi concentrazioni di molibdeno (125-200 volte quelle mediamente contenute nel suolo), tungsteno (più di 41 volte) e mercurio (più di 160 volte). Questo indica che tali bombe, oltre al fosforo incendiario, possono disperdere anche metalli tossici e che il loro largo uso nel corso della guerra a Gaza, combinato con l'esplosione in altitudine, a una certa distanza dal suolo, può aver causato la diffusione di questi metalli sul territorio.

*Codice di identificazione del produttore. Indica che la bomba è stata realizzata nell'aprile 1989 da Thiokol Aerospace; 112-003 è un numero di serie e indica che molti lotti di queste munizioni sono stati prodotti; 155 millimetri è il calibro; M825E1 è un sigla adottata dalle forze armate statunitensi che indica una vecchia versione dell'attuale standard M825A1 delle munizioni al fosforo bianco.

Per informazioni: www.newweapons.org

Anna Maria Selini