18/11/2009versione stampabilestampainvia paginainvia



Punita con la morte per aver tradito suo marito

Una donna di 29 anni è stata lapidata con l'accusa di adulterio. Secondo fonti di Mogadiscio, il giudice Ibrahim Shaikh Abdirahman ha condannato a morte la donna e a cento frustate il suo amante.
L'esecuzione si è svolta nel villaggio di Eelbon, nella Somalia del sud, sotto gli occhi di centinaia di persone. Solo pochi giorni fa nella città di Marka Al-Shabaab un uomo di 33 anni è stato ucciso nella stessa maniera.
La lapidazione è prevista come punizione per l'adulterio in buona parte della Somalia centro-meridionale, controllata dagli insorti di Hizbul Islam. Che hanno imposto alla popolazione la sharia, la legge islamica che vieta tra l'altro di ascoltare musica e ballare ai matrimoni come vorrebbe la tradizione locale.

Parole chiave: somalia, lapidazione
Categoria: Diritti, Donne
Luogo: Somalia