31/08/2009versione stampabilestampainvia paginainvia



Torna la violenza in Perù. Uccisi dall'esercito cinque guerriglieri.

Chi credeva che la guerra fra governo peruviano e il gruppo d'ispirazione maoista Sendero Luminoso fosse terminata si sbaglia di grosso.

Anche lo scorso mercoledì, dopo un periodo di calma apparente, una pattuglia dell'esercito di Lima è stata attaccata dai guerriglieri nella zona di Valle de los Rios Apurimac, mentre cercava di stanare Raul, uno dei leader del movimento guerrigliero, il cui vero nome è Jorge Quispe Palomino.
Sono molte le voci che vedrebbero Sendero Luminoso legato più al narcotraffico che alla guerriglia per la libertà di un popolo, come racconta il ministro della Difesa peruviano, Rafael Rey. "Confermo la notizia degli scontri a fuoco avvenuti nella zona di Valle de los Rios fra eserrcito e guerriglieri. I nostri soldati erano alla ricerca di un noto leader di Sendero quando sono stati attaccati". Il ministro ha anche confermato le perdite nelle file dell'esercito e ha fatto sapere che al momento non ci si può fare un'idea sull'eventuale numero di feriti all'interno del gruppo guerrigliero.

Processo a GuzmanInoltre, qualche settimana fa un commando formato da almeno 50 guerriglieri ha attaccato l'edificio che ospita la direzione nazionale operazioni speciali di polizia, sfidando a tutti gli effetti lo Stato. L'attacco ha causato almeno cinque morti e una certa preoccupazione nell'amministrazione di Lima.
Da molto tempo Sendero Luminoso viene studiato. Inizialmente legato all'ideologia guerrigliera di stampo maoista per la creazione di uno Stato comunista, il gruppo di Abimael Guzman in seguito si è sempre più avvicinato al narcotraffico, affare molto redditizio, usato inizialmente come metodo di autofinanziamento.
Negli ultimi mesi il governo peruviano nel tentativo di eliminare per sempre i capi della guerriglia ha offerto ricompense che vanno da un minimo di 100mila a un massimo di 166mila dollari Usa per la loro cattura.
In ogni caso, la guerriglia di Sendero Luminoso non è stata debellata come il governo peruviano ha sempre cercato di far credere a tutti, e oggi fa sentire più forte che mai la sua voce.

 

Alessandro Grandi

creditschi siamoscrivicicollaborasostienicipubblicità