25/06/2009versione stampabilestampainvia paginainvia



I tre imputati erano stati dichiarati innocenti lo scorso febbraio. Al via un nuovo processo

La Corte Suprema russa ha annullato la sentenza di assoluzione dei tre uomini imputati per l'omicidio della giornalista Anna Politkovskaya e ha ordinato un nuovo processo, secondo quanto riferisce l'agenzia Interfax.

La decisione di ripetere l'intero processo per la morte della giornalista avviene dopo l'appello del pubblico ministero che ritiene che ci sono stati "violazioni" durante il processo.
Lo scorso febbraio, il tribunale aveva dichiarato all'unanimità che l'accusa non aveva dimostrato la colpevolezza dei due fratelli ceceni, Dzhabrail e Ibraguim Majmudov, e di Sergei Jadzhikurbanov, tutti accusati per l'omicidio. Anche il funzionario dei servizi segreti, Pavel Riaguzov, accusato nello stesso caso di abuso di potere ed estorsione, era stato dichiarato innocente. Rustam Majmudove, fratello degli altri due e sospetto di aver sparato contro la giornalista, non è stato ancora trovato.
Politkovskaya, critica nei confronti del Cremlino, lavorava come giornalista per il quotidiano Novaya Gazeta. Fu uccisa davanti alla porta del suo appartamento a Mosca il 7 ottobre 2006.

 

Categoria: Politica
Luogo: Russia