29/05/2009versione stampabilestampainvia paginainvia



Lo scontro a fuoco è avvenuto nel corso di un'operazione congiunta per stabilizzare l'area. Feriti anche due soldati afgani in maniera grave

Un paracadutista italiano del 183° reggimento Nembo della Brigata Folgore è rimaso ferito in modo non grave durante uno scontro a fuoco con alcune postazioni di insorti a due chilometri da Bala Murgab, nella provincia di Baghdis. Feriti più gravemente altri due militari afghani. Lo scontro a fuoco si è verificato nel corso di una operazione congiunta, pianificata dai militari italiani e mirata alla stabilizzazione dell'area . Ad essere prese di mira sono state prima le pattuglie afghane, poi i militari italiani. Ieri due elicotteri della Marina erano stati presi di mira dalle armi dei ribelli; i piloti dei velivoli sono riusciti a evitare i colpi. In uno dei due elicotteri si trovava anche il comandande della Regione Ovest della missione multinazionale Nato-Isaf, generale Rosario Castellano, che aveva preso parte alla 'shura', il consiglio degli anziani di Bala Murgab.

Categoria: Guerra
Luogo: Afghanistan