08/05/2009versione stampabilestampainvia paginainvia



L'esercito regolare combatte senza sosta. Bilanicio: almeno 125 mort. Oltre 150 gli ostaggi

Il ministro della Difesa ciadiano Adamo Yunusmi, ha fatto sapere che l'esercito regolare avrebbe fermato l'avanzata dei ribelli che si stavano dirigendo verso la capitale N'Djamena.
Gli scontri armati avrebbero caudsato la mortie di almeno 125 ribelli. "Siamo riusciti a fermare i mercenari nel corso della battaglia iniziata ieri nella parte orientale del Paese in particolare nella zona di Am-Damm a circa 100 chilometri dal confine con il Sudan" ha detto il ministro.
Secondo le notizie giunte finora sembra che almeno 152 ribelli siano stati catturati, fra loro sembra probabile la presenza di uno dei loro leader, Muhammad Hamoud Bashir.
Anche i ribelli, però, dicono la loro e in una dichiarazione rilasciata a una Tv del Qatar hanno fatto sapere che non intendono fermarsi e cercheranno di proseguire la loro marcia fino alla capitale "per abbatter il regime di Idris Dibi".
Le autorità ciadiane insistono nell'accusare il governo del Sudan di sostenere i ribelli e fornire loro armi e munizioni.

 

Luogo: Ciad