18/02/2009versione stampabilestampainvia paginainvia



Il presidente Usa Obama annuncia l'invio di 17mila uomini per rafforzare il contingente

Almeno sedici persone, tra cui otto donne e due bambini, sono morti in un raid aereo delle forze internazionali nell'ovest dell'Afghanistan. Lo ha riferito la polizia afghana. I cadaveri di sei donne e due bambini sono stati ritrovati poco dopo un bombardamento aereo, lunedì sera, vicino Herat.

Secondo le forze della coalizione internazionale sotto il comando Usa, il raid aveva come obiettivo un capo dei ribelli, Gholam Yahya Akbari. ''Circa 15 ribelli potrebbero essere stati uccisi nel bombardamento'', ha fatto sapere la coalizione in un comunicato, senza fare accenno alle vittime civili. Ieri, in serata, il presidente statunitense Barack Obama ha approvato l'aumento del contingente Usa in Afghanistan di 17mila uomini. Il presidente Ahmid Karzai ha commentato positivamente l'invio di nuove truppe nel Paese, auspicandone il dispiego lungo il rovente confine con il Pakistan.

 

Categoria: Guerra, Politica
Luogo: Afghanistan