04/02/2009versione stampabilestampainvia paginainvia



A suo carico l'accusa di aver sequestrato, torturato e ucciso tre desaparecidos di origine italiana

Il perito inviato a Buenos Aires dal tribunale di Roma per stabilire le condizioni di salute mentale dell'ex comandante della Marina Militare argentina e protagonista della giunta militare Videla, Emilio Eduardo Massera, ha stabilito che l'imputato è "pienamente in grado di stare in giudizio".

Quindi, Massera "può essere processato". L'ex ammiraglio comparirà davanti alla giustizia italiana per rispondere della morte di tre desaparecidos: Angela Maria Aieta, sequestrata il 5 agosto 1976, Giovanni Pegoraro e sua figlia Susanna, entrambi sequestrati il 18 giugno del 1977. E' il primo processo in cui lo Stato italiano si è costituito parte civile insieme alle famiglie delle vittime. Massera è accusato di "aver cagionato la loro morte, dopo averne disposto od operato il sequestro, e dopo averli sottoposti a tortura, con le aggravanti di aver commesso i fatti con premeditazione, ed adoperando sevizie e agendo con crudeltà verso le persone", si legge nelle carte processuali. Altri cinque ufficiali della Marina, co-imputati con Massera, erano stati condannati il 14 marzo 2007 a cinque ergastoli decisi dalla Corte di Assise di Roma. "Nonostante i possibili tentativi manipolativi, più o meno coscienti, attuati attraverso l'estremizzazione, anche in forma eclatante, di sintomi psichici fittizi", quindi, Emilio Eduardo Massera verrà sottoposto a processo per i crimini effettuati nel quadro del sistema dittatoriale argentino.

Categoria: Diritti, Storia, Armi
Luogo: Italia