02/12/2003versione stampabilestampainvia paginainvia



Stilato un piano di azione per sostenere i minori

Il governo federale ha annunciato oggi, durante la V Conferenza nazionale dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza, il piano di azione per aiutare gli oltre 60milioni di bambini e adolescenti brasiliani.

Il documento è il risultato del compromesso fatto dal presidente del Brasile, Luiz Inacio Lula da Silva tra le 21 proposte della Sessione speciale per l'infanzia dell'Organizzazione delle Nazioni Unite, riunitasi a New York lo scorso anno. Innanzitutto, è stata decisa una campagna preventiva per arrivare a ridurre il tasso di mortalità infantile e creare una rete informativa su salute e sanità. Quindi è stato deciso di combattere gli abusi e la violenza su bambini e giovani e di migliorare l'insegnamento pubblico.

In accordo col presidente dell'Unicef in Brasile, Reiko Niimi, è stato stabilito il ruolo fondamentale della popolazione al fine di raggiungere questi intenti. Sono obiettivi possibili solo percorrendo la strada della propaganda, del coinvolgimento umano e sostanziale dei brasiliani.

Lula, prendendo parte alla conferenza (è la prima volta che un presidente della repubblica partecipa a una edizione della Conferenza nazionale dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza) ha dimostrato ufficialmente di mettere il mondo dei bambini e dei giovani come priorità assoluta nella politica del suo governo.

Stella Spinelli

 

Categoria: Bambini
Luogo: Brasile