07/01/2009versione stampabilestampainvia paginainvia



Un terzo delle vittime dell'operazione 'Piombo Fuso' ha meno di 16 anni

Secondo fonti mediche palestinesi, un terzo delle vittime degli attacchi nella Striscia di Gaza sarebbero bambini e giovani con meno di sedici anni.
Ancora tre bambini sono stati uccisi questa sera in un raid aereo israeliano tra i villaggi di Jabaliya e Beit Lahiya, nel nord della Striscia.

Il dato è stato reso noto oggi dal capo del pronto soccorso di Gaza, Mouawiya Hassanein, secondo il quale sarebbero duecentoventi i bambini e ragazzini morti dal 27 dicembre scorso, data d'inizio dell'operazione "Piombo Fuso", su un totale di quasi settecento vittime. Un numero che è andato aumentando in maniera esponenziale dall'inizio dell'offensiva terrestre.
L'organizzazione umanitaria internazionale Save the Children ha espresso la sua "preoccupazione crescente per tutti i bambini costretti ad abbandonare la propria casa distrutta dai bombardamenti.