12/11/2008versione stampabilestampainvia paginainvia



Spruzzate con una pisola giocattolo sulla strada per la scuola

Quindici ragazze sono state sfregiate con dell'acido a Kandahar, in Afghanistan, mentre andavano a scuola. Le ragazze, che indossavano il burqa, sono state avvicinate da due uomini su una moto che, con una pistola giocatolo, hanno spruzzato l'acido. Dall'ospedale della città giunge la notizia che tre di loro sono rimaste seriamente ferite.

Finora nessuno ha rivendicato l'azione, ma si pensa che dietro al gesto ci sia qualche gruppo talebano contrario all'educazione femminile. Durante il loro regime infatti, dal 1996 al 2001, le scuole femminili erano state chiuse. Dall'inizio della guerra, poi, decine di insegnanti e di studenti, anche giovanissimi, sono stati uccisi in attentati attribuiti agli estremisti.
Un portavoce talebano ha però negato ogni coinvolgimento nell'accaduto. Le violenze contro le donne fanno però parte della cultura degli afghani e non sono una prerogativa talebana.

Categoria: Diritti, Donne
Luogo: Afghanistan