20/06/2008versione stampabilestampainvia paginainvia



La Cassazione decide di non processare Lozano. Un documentario dimostra che sbaglia
I giudici della Corte di Cassazione italiana hanno deliberato, ieri in serata, che non ci sarà nessun processo per il soldato statunitense Mario Lozano che, il 4 marzo 2005 a Baghdad, ha ucciso l'agente del Sismi Nicola Calipari e ha ferito la giornalista del Manifesto Giuliana Sgrena e un altro agente del Sismi.

il soldato usa mario lozanoMancanza di coraggio. I giudici della I sezione penale hanno rigettato il ricorso presentato dalla Procura di Roma, e dalle parti civili, contro la sentenza con la quale la Corte di Appello di Roma il 25 ottobre 2007 aveva dichiarato ''il difetto di giurisdizione'' della magistratura italiana ad occuparsi di processare Lozano.
''Era prevedibile. E' un parere personale, che non c'entra nulla con il nostro lavoro, ma credo che il governo non avesse alcun interesse a riaprire il caso''. Commenta così la sentenza Emanuele Piano, autore assieme a Fulvio Benelli di Calipari Friendly Fire, documentario prodotto dalla Oybo Productions che sara' trasmesso da al-Jazeera International il 25 giugno prossimo.
Un'inchiesta che mette in luce tutta una serie di contraddizioni che smentiscono la versione ufficiale sulla morte dell'agente del Sismi.
''Ad oggi, sul caso Calipari, non si e' mai arrivati a un dibattimento sulle vere responsabilita' e sulle dinamiche dell'incidente. Ha prevalso dunque il 'difetto di giurisdizione', paventato da subito nelle aule di giustizia italiane, ma non si e' mai entrati nel merito di cosa sia realmente accaduto la sera del 4 marzo 2005 a Baghdad, sulla strada che portava all'aeroporto'', commenta Piano.

nicola calipariUna versione ufficiale che non convince. La famiglia Calipari e l'opinione pubblica italiana, dunque, devono accontentarsi della versione ufficiale. Un soldato Usa, Mario Lozano, sotto pressione, che si rende protagonista di un tragico incidente. Le regole d'ingaggio rispettate, Calipari molto sfortunato. Giustizia e' stata fatta? ''No. Affatto. Gli Stati Uniti hanno nominato una commissione d'inchiesta, che alla fine ha ritenuto che i militari statunitensi avessero rispettato le regole d'ingaggio, avevano segnalato il posto di blocco, accendendo la luce e sparando colpi d'avvertimento, e solo dopo avevano ingaggiato l'auto sulla quale viaggiavano la Sgrena, Calipari e Carpani, che era al volante, perche' non si era fermata. Si sono, in pratica, autoassolti - commenta il giornalista - Un vero processo non e' mai stato celebrato''.
Solo la commissione, quindi, che non ha prodotto neanche un rapporto condiviso. ''In quella commissione c'erano anche due generali italiani, che ne hanno rigettato le conclusioni, rendendo pubblico un loro controrapporto nel quale smentivano sostanzialmente la ricostruzione Usa - racconta Piano - Il posto di blocco non era segnalato e i militari statunitensi non avevano rispettato le regole d'ingaggio. A parere dei generali italiani, inoltre, emergevano delle responsabilita' della catena di comando, che avevano mantenuto quella pattuglia in zona nonostante il convoglio di John Negroponte, all'epoca governatore Usa in Iraq, fosse gia' passato per raggiungere l'aeroporto. No, non si puo' dire che sia stata fatta giustizia. Perche' non e' stata fatta chiarezza''.

giuliana sgrenaZone d'ombra. E i punti oscuri sono tanti. Il vostro lavoro smonta alcuni aspetti di questa versione. Quali?
''In primo luogo non ha sparato solo Mario Lozano. E questo e' un altro paradosso di questa storia. Nei tribunali italiani, fino a ora, si e' discusso solo sul fatto che sussistesse o meno la giurisdizione italiana sul caso. Esistono pero' tutta una serie di documenti, come le perizie di parte, che dimostrano come i colpi sparati verso l'auto non provenissero solo dall'arma in dotazione a Mario Lozano. Ma mancando il dibattimento, questo e altri elementi restano ai margini della vicenda, restando solo verita' extragiudiziali, che non vedranno mai un dibattimento nel quale essere verificate''. Ma non finisce qui.
''Basta pensare alla vicenda paradossale grazie alla quale e' venuto fuori il nome di Mario Lozano. Un blogger greco che copia incolla il rapporto con gli omissis e, in fondo, c'erano tutti i nomi dei militari coinvolti. Noi oggi sappiamo chi ha sparato a Nicola Calipari, ma l'Italia non puo' processarlo perche' non ha giurisdizione sull'omicidio di un cittadino italiano commesso in territorio straniero. Solo, pero', perche' e' un militare statunitense''. Questo difetto di giurisdizione non e' stato un limite in altri, tragici, episodi. ''In altri casi non e' andata cosi', e la Procura di Roma ha aperto inchieste su cittadini italiani uccisi all'estero, arrivando a chiedere l'estradizione dell'omicida. Basti pensare al caso Ilaria Alpi: un cittadino somalo e' in carcere per l'omicidio della giornalista italiana'', commenta Piano. ''Perche' nel caso Alpi si e nel caso Calipari no? Perche' l'omicida e' un miliziano e non un soldato? Non c'e' una sentenza che potrebbe essere recepita dall'Italia, visto che Mario Lozano non e' stato processato''.

l'auto, crivellata di colpi, sulla quale viaggiavano Calipari, la Sgrena e un agente del SismiI dubbi non mancano neanche sul fronte Usa. Nel documentario e' raccolta la testimonianza di Wayne Madsen, ex agente segreto Usa, secondo cui gli Usa sapevano che Calipari era in azione, essendo stato localizzato dal sistema Nsa. ''Una delle tesi Usa, che fa acqua da tutte le parti, e' che non erano a conoscenza del fatto che Calipari fosse andato in Iraq per liberare Giuliana Sgrena. Calipari non e' arrivato da solo, ma con lui c'erano almeno altre sei persone venute dall'Italia per questa operazione. Il gruppo e' stato accolto all'aeroporto di Baghdad dal generale italiano Mario Marioli, vice comandante delle forze in Iraq, e dal suo assistente, il capitano Usa Green. Sapevano che era arrivato un agente del Sismi a Baghdad. A fare cosa?''. A liberare la Sgrena, of course. ''Era ovvio. E gli statunitensi conoscevano il luogo dove era tenuta prigioniera la Sgrena e lo controllavano. E' presumibile che i militari Usa fossero quindi a conoscenza che l'ostaggio era stato spostato in vista della liberazione. Madsen racconta che il segnale di Calipari era stato intercettato, quindi sapevano che era andato a liberare la Sgrena. Solo che qui emerge l'altro aspetto oscuro della vicenda. La trattativa. Gli Usa erano pronti al blitz armato, convinti sostenitori del fatto che con i rapitori non si doveva trattare. Gli italiani avevano, invece, l'ordine di pagare. La legislazione italiana, in realta', prevede il congelamento dei beni dei familiari in questi casi. Per i rapimenti in Iraq non e' andata cosi'. E' una vicenda delicata per l'Italia, sia a livello di rapporti internazionali che a livello di politica interna. C'e' la sensazione che, anche per questo, l'Italia non ha interesse a riaprire questa vicenda. Resta una vittima e due versioni dei fatti: una statunitense e una italiana. E non ci sara' mai un giudice, ne' negli Usa ne' in Italia, che stabilira' chi e' colpevole o innocente''.

Christian Elia

Articoli correlati: Gli argomenti più discussi: Le parole chiave più ricorrenti:
creditschi siamoscrivicicollaborasostienicipubblicità